...
opzioni di ricerca




Oggetti d'arte tribale africana :




Mumuye Statua
Arte tribal africana > Statue > Mumuye Statua

Gioco di volumi tipico delle statue africane Mumuye, qui sfociato in un'acconciatura arcuata tipo elmo, la cui curvatura si ripete, avvolgendo le spalle e formando il blocco circolare dei fianchi. Le mani che protende le braccia piatte si sviluppano a ventaglio a metà altezza, sormontando le gambe triangolari, divaricate. Gli occhi sono intarsiati con osso o corno. Patina opaca screziata, abrasioni, crepe ed erosioni.

La statuaria proveniente dalla regione nord-occidentale del medio Benoué, dal Kona Jukun, al Mumuye e fino alle popolazioni Wurkun si distingue per una relativa assenza di ornamenti e pulizia messa in piega. I 100.000 parlanti la lingua Adamawa formano un gruppo chiamato Mumuye e sono raggruppati in villaggi, dola, divisi in due gruppi: quelli del fuoco ...


Vedi il foglio

650,00

Suruku Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Suruku Maschera

È attraverso varie società segrete che gli iniziati Bambara acquisiranno la loro conoscenza, compresa quella di Koré, prendendo di mira gli anziani e durante la quale interviene questa maschera. La società Kore è divisa in otto classi di iniziati, la sesta delle quali è quella delle iene, o surukuw.

La fronte bulbosa della maschera è sormontato da un corno che simboleggerebbe il ciuffo di pelo asportato dopo la morte dell'animale. La fronte prominente si riferisce all'intelligenza. .
Abrasioni dovute all'uso e crepe.

Insediati nel Mali centro-meridionale, in una zona della savana, i Bambara, "Bamana" o "miscredenti", come li hanno chiamati i musulmani, appartengono al grande gruppo dei Mande, con i Soninke ei Malinke. I gruppi artigiani Bambara nyamakala, ...


Vedi il foglio

490,00

Maschera Igbo Ogbodo enyi
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Ogbodo

Collezione francese di arte africana.

Questo tipo di maschera africana composita chiamata ogbodo enyi o "spirito dell'elefante", si riferisce alla forza e alla resistenza di il maestoso pachiderma. Per le sue caratteristiche eccezionali, l'elefante è associato al simbolismo del potere politico e spirituale.
Patina opaca bicolore. Erosione e crepe dovute all'uso.
Nel nord-est della regione Igbo, queste maschere venivano indossate solo dai giovani durante le festività annuali, incluso il New Yam Festival, dove le indossavano sulla testa e le agitavano in rapide danze solitarie. Nella regione di Nkaliki, invece, possono essere indossati dalle donne.


Vedi il foglio

690,00

Maschera Igbo
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Igbo

Questo tipo di maschera africana igbo-ada viene utilizzata durante i funerali, le cerimonie di iniziazione dei giovani ragazzi e ora durante le feste secolari. Le sue escrescenze a becco contraddistinguono questa maschera molto geometrica e piuttosto astratta. Patina policroma opaca. Grandi crepe da essiccazione e abrasioni.
f Altezza sulla base: 65 cm.
Gli Igbo sono stabiliti nella regione meridionale del delta del Niger in Nigeria. Gli Ada formano un sottogruppo Igbo stabilito nel sud-est della Nigeria. Sono riusciti a combinare un profondo senso di individualità con un altrettanto forte senso di appartenenza al gruppo. Il loro sistema politico è complesso e poco conosciuto. Il villaggio costituisce l'unità sociale più grande, mentre la più piccola è la famiglia allargata. ...


Vedi il foglio

450,00

Maschera con stemma Urhobo
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Urhobo

Collezione francese di arte tribale africana Maschera con stemma Urhobo in relazione agli spiriti dell'acqua e della terra. Le teste dirette verso i quattro punti cardinali sono sormontate da un vassoio circolare sul quale compaiono soggetti relativi alle divinità locali, tra cui l'uccello, simbolo della divinazione e sacrifici rituali.
Gli Urhobo, a nord-ovest del fiume Delta del Niger, costituiscono il principale gruppo etnico nello Stato del Delta tra i 36 stati della Repubblica Federale della Nigeria. Parlano Urhobo, una lingua del gruppo Niger-Congo. Insieme agli Isoko, la cui arte è simile, sono conosciuti collettivamente come Sobo. Le loro grandi sculture che rappresentavano gli spiriti della natura, gli edjo, ovvero gli antenati fondatori del clan, ai quali venivano ...


Vedi il foglio

780,00

Maschera Idiok Ekpo
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Idiok

Collezione francese di arte africana.
Maschera africana dell'idiok demone (?) dell'Ekpo. Patina bicolore, piccole crepe, lievi mancanze, residuo di crosta nella parte superiore.
Gli Ibibios costituiscono un popolo dell'Africa occidentale, presente principalmente nel sud-est della Nigeria (Stato di Akwa Ibom), ma anche in Ghana, Camerun e Guinea Equatoriale. Le società segrete sono numerose tra gli Ibibio stabiliti a ovest del Cross River. Il culto degli antenati è sotto l'autorità dei membri di rango più alto dell'Ekpo. Questi ultimi utilizzano maschere come l'idiok, legato agli spiriti caduti, e il mfon, che rappresentano le anime salvate. Le statue e le marionette vengono utilizzate dalla società ekon, ogni sette anni, attraverso spettacoli teatrali accompagnati da ...


Vedi il foglio

490,00

 Maschera con elmo Igbo  Agbogho Mmuo
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Igbo

Vecchia maschera con elmo Igbo con i fili del costume che ne adornano ancora i contorni. Questa maschera da “giovane ragazza” glorifica la bellezza come la intendono gli Igbo. A completare lo spettacolo, gruppi di maschere “madri” e “ragazze”, indossate dagli uomini, danzano insieme, scandendo le festività del calendario agricolo. Il copricapo rappresenta capelli acconciati e intrecciati mescolati con accessori. Il colore bianco della maschera si riferisce agli spiriti ancestrali, queste maschere spesso accompagnavano i defunti durante i riti funebri, i> mmwo significa "spirito dei morti". Patina opaca irregolare, condizioni generali molto buone nonostante qualche piccola abrasione e sbeccatura.
Gli Igbo vivono nella foresta nel sud-est della Nigeria. La religione Igbo comprende ...


Vedi il foglio

680,00

Maschera Vuvi, Tsogho
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Sogho

Ex collezione belga di arte tribale africana Scolpita in legno tenero, questa maschera africana offre un copricapo a conchiglia, una fronte colorata di rosso scuro e sopracciglia sporgenti che dominano un viso arrotondato. Affini alle maschere africane Okuyi dei gruppi etnici Punu delle tribù Shira, le maschere africane prodotte dai gruppi periferici Vuvi, Galoa e I Mitsogho, inoltre, sono ricoperti di pigmenti bianchi a scopo apotropaico.
Erosioni e crepe da essiccazione, patina opaca. Altezza sulla base: 40 cm.
Il gruppo etnico Mitsogho, Sogho, è stabilito in una regione forestale sulla riva destra del fiume Ngoumé. La società Bwiti, o Bweté, che ha un sistema di reliquiari paragonabile a quello dei Fang e dei Kota, formava la coesione delle famiglie Mitsogho. Le loro ...


Vedi il foglio

490,00

Bobo Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bobo Maschera

Le maschere animali africane del Burkina Faso
Questa imponente maschera da elmo costituisce una variante della maschera africana Newenka del Bobo Fing, prendendo in prestito anche le caratteristiche dalla maschera kellé. Questo tipo di maschera veniva indossata esclusivamente dai membri della casta dei fabbri, durante le cerimonie di lutto, per accompagnare il defunto alla loro ultima residenza, la volta. La sommità presenta una cresta la cui struttura piatta e traforata è sormontata da becchi d'uccello. La decorazione è composta da triangoli la cui policromia si è estinta. Bella patina semi satinata d'uso, crepe da essiccazione e abrasioni.
Un popolo Mandingo, la maggior parte dei quali vive nel Burkina Faso orientale, ma anche nel Mali meridionale, la cultura del Bobo Fing è ...


Vedi il foglio

490,00

Statua feticcio di Songye Nkisi
Arte tribal africana > Feticci > Songye Statua

Originari di Shaba nella Repubblica Democratica del Congo, i Songye sono imparentati con i Luba con i quali condividono antenati comuni. Questo grande feticcio è privo del suo ventre bishimba e ha solo ornamenti, specificità della statuaria Songye, un corno di animale introdotto nella parte superiore, e stecche e chiodi di metallo sul viso, probabile riferimento alle devastazioni di il vaiolo. Anche le orecchie, scavate, sono simbolicamente riempite di ciuffi di capelli.
I Kuba non producevano feticci, li ottenevano dai loro vicini Songye, che erano considerati esperti nel campo. Sotto le braccia venivano introdotte aste o ganci di ferro per spostarle. Questi feticci protettivi con cariche magiche sono chiamati nkisi e svolgono nella cultura africana il ruolo di mediatori tra gli ...


Vedi il foglio

480,00

Nkisi Songye Kalebwe Feticcio
Arte tribal africana > Feticci > Songye Statuetta

Figura scolpita Nkisi, nkishi (pl. mankishi ) il cui volto con i lineamenti della maschera kifwebe è sottolineato con lamine di metallo. La statua è dotata di una carica magica bishimba inserita nella cavità del cranio. Si supponeva inoltre che vari addendum, metal, jerk, ecc. potessero aumentare il potere del feticcio.
Patina scura semi-opaca. La disidratazione si incrina.

Questi feticci protettivi per le case sono tra i più popolari in Africa. Il Nkisi svolge il ruolo di mediatore tra gli dei e gli uomini. Gli esemplari grandi sono proprietà collettiva di un intero villaggio, mentre le figure più piccole appartengono a un individuo oa una famiglia. Nel XVI secolo, i Songyes emigrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba. La loro ...


Vedi il foglio

380,00

Maschera da caccia Burtu Haoussa
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Hausa

Collezione francese di arte tribale africana.
Maschera naturalistica da caccia, costituita da un vero teschio di bucero allungato per il becco legato, destinata ad avvicinarsi fisicamente alle antilopi o ad altra selvaggina. Il guaritore aveva precedentemente introdotto elementi di natura magica nel copricapo, seguendo rituali. Il cacciatore, portando con sé il suo simulacro di bucero ed equipaggiato soprannaturalmente, poteva quindi avanzare tra l'erba alta della savana.
Nella regione Maradi del Niger, da cui provengono gli Hausa, le maschere feticcio zoomorfe, indossate su un tessuto di colore scuro o su una pelle di capra, erano comunemente usate per la caccia.
Altezza sulla base: 49 cm.
Lett.: "L'uccello nell'arte dell'Africa occidentale" F. Ndiaye e G. ...


Vedi il foglio

750,00

Maschera Ijo
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Ijo

Collezione francese di arte tribale africana. Una delle confraternite maschili sekiapu o "gente che danza", nella regione centrale dell'Ijo, indossava obliquamente sulla testa questa maschera associata agli spiriti della natura. Questo esemplare si distingue per la piccola barca che appare in alto. Patina d'uso irregolare. Erosioni e vecchie riparazioni.
Gli Ijo del Delta del Niger vivono principalmente di pesca e agricoltura, i villaggi sono situati in zone paludose a ovest del fiume Nun. I riferimenti al loro passato bellicoso abbondano nei reliquiari, nei rituali e nelle celebrazioni in maschera.
Le loro maschere e altre produzioni artistiche hanno lo scopo di onorare gli spiriti acquatici, oru o owuamapu, che venerano e ai quali erano destinati i sacrifici. I pescatori ...


Vedi il foglio

490,00

Maschera a casco Bobo So Molo
Arte tribal africana > Maschere > Bobo Maschera

Il design di questa maschera da elmo, caratterizzata da cresta e corna arcuate in avanti, esprime potenza. Il volto molto geometrico è allungato da una breve escrescenza raffigurante una barba. La policromia geometrica, poco visibile, si stacca localmente.
La disidratazione si incrina.
Queste pesanti maschere, il cui design ruota solitamente attorno a un elmo semisferico con una cresta o escrescenze cornute, si verificavano durante i rituali agricoli per ristabilire l'equilibrio della terra. Il loro significato è stato rivelato durante l'iniziazione dei ragazzi.
Popolo Mandingo, la maggior parte dei quali vive nel Burkina Faso orientale, ma anche nel Mali meridionale, la cultura del Bobo Fing è simile a quella dei Bambara. Sono organizzati in lignaggi guidati da ...


Vedi il foglio

650,00

Maschera Isoko, Itsoko
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Isoko

Collezione francese di arte africana.
Maschera africanaitsoko, isoko, versione policroma associata a uno spirito dell'acqua (edjorame), che ricorreva durante le principali feste annuali. È sormontato da un gruppo di soggetti scolpiti. Patina croccante e sfaldata.
Gli Urhobos, che vivono vicino al nord-ovest del fiume Delta del Niger, costituiscono il principale gruppo etnico nello Stato del Delta tra i 36 stati della Repubblica Federale della Nigeria. Parlano Urhobo, una lingua del gruppo Niger-Congo. Insieme agli Isoko, la cui arte è simile, sono conosciuti collettivamente come Sobo. Le loro grandi sculture che rappresentavano gli spiriti della natura, gli edjo, ovvero gli antenati fondatori del clan, ai quali venivano offerti sacrifici, erano raggruppate in santuari ...


Vedi il foglio

690,00

Maschera Bassa Liberia
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Bassa

Collezione francese di arte tribale africana.
Di dimensioni limitate, questa rara maschera denominata Gela , Geh-Naw , del gruppo etnico Bassa della Liberia, maschera-talismano, presenta alla sommità un agglomerato crostoso. Tracce sbiancate sulla superficie si riferiscono a scarificazioni. Altezza sulla base: 35 cm.
Il gruppo Bassa della Liberia è stabilito nella regione costiera, in particolare intorno a Grand-Bassa. La sua cultura e produzione artistica furono influenzate dai vicini popoli Dan e Kpellé di lingua mande. I Bassa hanno società di iniziazione femminili e maschili, tra cui il chu-den-zo che ha dato vita a questo tipo di creazione scultorea. La maschera geh-naw, o gela, veniva indossata sulla fronte del ballerino, attaccata a una struttura di vimini, ...


Vedi il foglio

340,00

Statuetta Ibeji Yoruba
Arte tribal africana > Statue > Statuetta Ibeji

Collezione francese di arte africana Molto personalizzata, questa statuetta Yoruba ibeji si differenzia per il suo carattere unico, la sua espressione infantile e i suoi dettagli cesellati. I suoi ornamenti protettivi sono gli ajebu.
Lussuosa patina d'uso.
Nella lingua del popolo yoruba, ibeji significa gemello: ibi per nato e eji per due < /i>. Rappresentano la figura di un gemello defunto. Questo ibedji viene quindi trattato come lo sarebbe stato il bambino scomparso.
Accadde anche che un uomo fece scolpire ibeji per la moglie allo scopo di indurre una gravidanza, l'oggetto divenendo un sostegno per la fertilità. Sostegno dell'anima del gemello, l'ibeji influenza la vita della famiglia, divenendo fonte di benefici nei confronti dei suoi genitori, questi ultimi ...


Vedi il foglio

780,00

Maschera Ijo, Ijaw
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Ijo

Collezione di arte tribale dell'artista Amadeo Plaza Garcés. Antica maschera con grande stemma, associata agli spiriti della natura, utilizzata da una delle confraternite maschili sekiapu o "gente che danza". Lo indossavano obliquamente sulla testa. Patina nera lucida, erosioni.
Gli Ijo del Delta del Niger vivono principalmente di pesca e agricoltura, ed i loro piccoli villaggi sono situati in zone paludose ad ovest del fiume Nun, la loro cosmogonia è naturalmente incentrata attorno a questo ambiente. I riferimenti al loro passato bellicoso abbondano anche nei reliquiari, nei rituali e nelle celebrazioni in maschera.
Le loro maschere e altre produzioni artistiche hanno lo scopo di onorare gli spiriti acquatici, oru o owuamapu, che venerano e ai quali venivano fatti sacrifici. ...


Vedi il foglio

690,00

Maschera Kwele
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Kwele

Collezione francese di arte africana.
Paragonabile alla maschera ngontang dei Fang legata al culto degli antenati, questa rarissima maschera Kwele in questa forma, abrasa dall'uso, presenta dei fori sui contorni che permettevano per fissare il colletto in rafia. Patina opaca abrasa, riflessi di vernice rossa, erosioni.
Una tribù del gruppo Kota, i Kwélé, Bakwélé, vive nella foresta al confine settentrionale della Repubblica del Congo. Vivono di caccia, agricoltura e metallurgia. Praticando il culto chiamato Bwété mutuato dai Ngwyes, che era accompagnato da riti iniziatici obbligatori, usavano alla fine delle cerimonie le maschere ekuk evocando l'antilope le cui corna si uniscono in un anello sotto il mento. Presso i Kwélé il sangue dell'antilope veniva utilizzato anche a ...


Vedi il foglio

750,00

Maschera Baule Bonu amuin
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Baoule

Collezione francese di arte africana Eccezionale maschera africana di scongiuro, che assicurava il rispetto dell'ordine sociale ed era riservata ad un'associazione maschile. Appariva solo durante i funerali iniziatici. Superficie vellutata, vibrante patina rosa e pigmenti neri. Crepe da essiccamento, lacune (sommità delle corna) e restauri indigeni (graffe)

L'arte africana dei Baoulé, gruppo Akan radicato nel sud-est della Costa d'Avorio, comprende una vasta gamma di maschere rinomate per la raffinatezza delle loro decorazioni. Da un lato queste maschere africane, "maschere ritratto", esibite durante eventi particolarmente teatrali in cui le donne avevano un ruolo di primo piano, dall'altro maschere sacre di scongiuro e di iniziazione, che ricorrevano durante cerimonie a ...


Vedi il foglio

1350,00

Maschera Bwa/Gurunsi
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Gurunsi

Collezione francese di arte africana Questa antica maschera africana dei Bwa appartiene agli spiriti soprannaturali. I disegni decorativi sono appena visibili sotto l'erosione della superficie. Il bitume nerastro è abraso, i contorni erosi.
Le sculture d'arte africana di Bobo, Bwa, Kurumba e Mossi, residenti in Burkina Faso, stanno riprendendo e frequentemente combinano elementi stilizzati presi in prestito da uomini, animali o addirittura insetti. Si ritiene che siano gli spiriti della natura a determinare il benessere e la prosperità di un individuo, e le avversità saranno viste come il risultato della negligenza dei riti collettivi. È quindi durante le diverse celebrazioni che la maschera personificherà uno spirito della natura o quello di un antenato in modo da influenzare la ...


Vedi il foglio

490,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal