...
opzioni di ricerca




Arte tribal africana - Feticci:


Statua feticcio di Songye Nkisi
Arte tribal africana > Feticci > Songye Statua

Originari di Shaba nella Repubblica Democratica del Congo, i Songye sono imparentati con i Luba con i quali condividono antenati comuni. Questo grande feticcio è privo del suo ventre bishimba e ha solo ornamenti, specificità della statuaria Songye, un corno di animale introdotto nella parte superiore, e stecche e chiodi di metallo sul viso, probabile riferimento alle devastazioni di il vaiolo. Anche le orecchie, scavate, sono simbolicamente riempite di ciuffi di capelli.
I Kuba non producevano feticci, li ottenevano dai loro vicini Songye, che erano considerati esperti nel campo. Sotto le braccia venivano introdotte aste o ganci di ferro per spostarle. Questi feticci protettivi con cariche magiche sono chiamati nkisi e svolgono nella cultura africana il ruolo di mediatori tra gli ...


Vedi il foglio

480,00

Nkisi Songye Kalebwe Feticcio
Arte tribal africana > Feticci > Songye Statuetta

Figura scolpita Nkisi, nkishi (pl. mankishi ) il cui volto con i lineamenti della maschera kifwebe è sottolineato con lamine di metallo. La statua è dotata di una carica magica bishimba inserita nella cavità del cranio. Si supponeva inoltre che vari addendum, metal, jerk, ecc. potessero aumentare il potere del feticcio.
Patina scura semi-opaca. La disidratazione si incrina.

Questi feticci protettivi per le case sono tra i più popolari in Africa. Il Nkisi svolge il ruolo di mediatore tra gli dei e gli uomini. Gli esemplari grandi sono proprietà collettiva di un intero villaggio, mentre le figure più piccole appartengono a un individuo oa una famiglia. Nel XVI secolo, i Songyes emigrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba. La loro ...


Vedi il foglio

380,00

Feticcio Fon
Arte tribal africana > Feticci > Feticcio Fon

Collezione francese di arte tribale Realizzato dal fabbro fon secondo le istruzioni dell'indovino di nome fa, questo feticcio è avvolto in tessuti, corde e collane. Spessa patina croccante nera. Crepe.
La moltitudine degli dei Fon (i vodun), simili a quelli degli Yoruba sotto nomi diversi, sono rappresentati da feticci di ogni forma e natura. I loro santuari si trovano in Togo, Dahomey e nella Nigeria occidentale. Su di essi sono spesso attaccate statuette che rappresentano i legba, protettori della casa. I fedeli somministrano loro offerte e libagioni quotidiane, che dovrebbero attivare il loro potere. I Fon vivono in una parte della Repubblica del Benin che un tempo formava il Regno del Dahomey. Secondo la leggenda, una principessa di origine yoruba creò questo regno prima ...


Vedi il foglio

390,00

Statuetta fetish Sundi nkisi
Arte tribal africana > Feticci > Fetish Sundi

Oltre alle loro armi e oggetti di prestigio, alla loro scultura funeraria, i Sundi hanno fatto uso, individualmente e collettivamente, di feticci di evocazione o di fecondità spesso dotati di una carica magica, come questa statuetta bicolore di un tipo raro, striature di motivi triangolari. Patina marrone crosta, crepe di essiccazione.
I Vili Lâri, Sûndi, Woyo, Bembé, Bwende, Yombé e Kôngo formavano il gruppo Kôngo diretto dal re ntotela/i. Il loro regno conobbe il suo apogeo nel XVI secolo con il commercio dell'avorio, del rame e la tratta degli schiavi. Allo stesso modo, essi produssero una statuaria con una gestualità codificata in relazione alla loro visione del mondo.


Vedi il foglio

750,00

Losso Statue
Arte tribal africana > Feticci > Losso Statue

Collezione francese di arte africana.
Su questi imponenti busti cilindrici sono disegnati motivi geometrici che evocano scarificazioni tribali. Da un lato questi motivi assumono la forma di un tratteggio parallelo, mentre dall'altro adottano un motivo a forma di V. Le facce sono segnate da tacche incise e le pupille sono perforate.
Nel nord del Togo vivono i Lamba, chiamati anche Losso o Nawdba dall'amministrazione coloniale, vicino agli Ewé, una comunità influenzata dalla cultura voodoo. I Lamba utilizzano semplici feticci antropomorfi per proteggersi da fastidi di vario genere, riponendoli talvolta nei granai o nei pollai. Alcune comunità Lamba si trovano anche in Benin e nella zona di confine del Ghana.


Vedi il foglio

440,00

Yombe Feticcio
Arte tribal africana > Statue > Yombe Feticcio

Figura scolpita dallo sguardo vitreo e le cui unghie sul busto attestano accordi conclusi; una carica magica viene inserita nella cavità dell'addome. Patina granulare grigio-bianca, erosioni e crepe da disseccamento.
Presso i Kongo, il nganga si occupava dei rituali attivando una forza spirituale con un nkondi (pl. nkissi). Il termine nkisi venne allora utilizzato per designare le nozioni di “sacro” o “divino”. La categoria più influente dei "minkisi kongo" consisteva in strumenti destinati ad aiutare i capi regionali a far rispettare la legge, ogni chiodo evocava un caso particolare: parti in conflitto, divorzio, conflitti tra comunità... Gli nkondi volevano quindi garantire che l'accordo da risolvere il conflitto è stato applicato correttamente e gli individui temono le ...


Vedi il foglio

780,00

Koro Feticcio
Arte tribal africana > Reliquiari > Koro Feticcio

Raro reliquiario ansato contenente una statuetta con coppa rituale, inizialmente utilizzata durante le cerimonie della birra o del vino di palma. I semi di Abrus rivestono la tazza. Tra fili di rafia venivano introdotti tutt'intorno piccoli ossi o cartilagini che nascondevano parte della scultura. Patina marrone oliata, crepe da essiccazione.
È nella parte settentrionale dell'interno della Nigeria che si stabilirono i Koro, insieme ai Waja, ai Mama, agli Hausa e ai Dakakari. Famosi soprattutto per le loro maschere decorate con semi rossi di abrus che incarnano gli antenati, usano questo tipo di coppa anche per le offerte rituali durante i funerali, durante i sacrifici e le cerimonie mascherate. Rif. : “Arti della Nigeria”, A. Lebas


Vedi il foglio

650,00

Vili Statua
Arte tribal africana > Feticci > Vili Statua

Collezione di arte tribale africana francese, il nome del collezionista sarà comunicato all'acquirente.
Sfida la postura "maangaka" (mani sui fianchi) per questa scultura feticcio del regno del Kongo dotata di cariche magiche dietro uno specchio che chiude una cavità. Gli occhi tempestati di vetro simboleggiano abilità extra-lucide. Erosioni e crepe da disseccamento.
I nganga, stregoni ma anche guaritori, erano preposti alle attività religiose e di mediazione verso il Dio chiamato Nzambi attraverso questo tipo di figure, il più delle volte sculture tribali antropomorfe dedicate, chiamate < i>nkisi.
Presso i Kongo, il nganga si occupava dei rituali attivando una forza spirituale con un nkondi (pl. nkissi). Il termine nkisi venne allora utilizzato per designare le ...


Vedi il foglio

Fai un'offerta

Prezzo su richiesta

Fon Feticcio
Arte tribal africana > Feticci > Fon Feticcio

Collezione di arte africana monegasca.
Imprigionato in un tessuto usato, il blocco antropomorfo è tagliato in modo grezzo. Patina opaca, residui rituali di caolino e indaco, pigmenti di ocra rossa. Erosioni.
La moltitudine di dei fon (i vodun), simili a quelli degli Yoruba sotto nomi diversi, sono rappresentati da feticci di ogni forma e natura. I loro santuari si trovano in Togo, Dahomey e nella Nigeria occidentale. Ad essi sono spesso attaccate statuette che rappresentano i legba, protettori della casa. I fedeli somministrano loro offerte e libagioni quotidiane, che dovrebbero attivare il loro potere. I Fon vivono in una parte della Repubblica del Benin precedentemente chiamata Dahomay. Secondo la leggenda, una principessa di origine yoruba creò questo regno prima del ...


Vedi il foglio

480,00

Statuetta feticcio Sukuma
Arte tribal africana > Statue > feticcio Sukuma

Statuetta femminile africana, senza braccia, con busto rivestito di pelle di animale nel quale sono state infilate le corna. La parte superiore della testa è perforata per una carica rituale. Queste statuette si riferirebbero agli antenati.

Nella regione costiera meridionale della Tanzania, intorno a Dar-es-Salaam, un gruppo relativamente omogeneo ha prodotto la maggior parte delle produzioni artistiche. Comprende lo swahili, il Kaguru, il Doé, il Kwéré, il Luguru, lo Zaramo, il Kami. La seconda regione è costituita da un territorio che copre la Tanzania meridionale fino al Mozambico, dove vivono alcuni Makonde e Yao, Ngindo, Mwéra e Makua. Nel nord-est della Tanzania, Chaga, Paré, Chamba, Zigua, Massaï, Iraqw, Gogo e Héhé hanno una produzione artistica che presenta ...


Vedi il foglio

350,00

Feticcio Damasaka
Arte tribal africana > Bronzo > Feticcio Damasaka

Estratto da una collezione d'arte tribale africana belga di 16 pezzi che rappresentano soggetti diversi.

Questa scultura zoomorfa proviene dalla Nigeria nord-orientale vicino al lago Ciad, intorno a Maiduguri, nello stato del Borno, attualmente relativamente inaccessibile perché controllato da gruppi islamici armati. La lingua dominante è Kanuri.
È un pezzo raro, associato agli spiriti protettivi, che veniva sepolto nel terreno per preservare i raccolti da animali o ladri. Le famiglie Damasaka, un gruppo etnico minoritario molto poco conosciuto nella regione, avevano questo tipo di oggetto rituale. Non abbiamo informazioni su di loro. La scultura forma una dettagliata rappresentazione figurativa di un cinghiale. Sul soggetto rimangono escrescenze solide di aspetto ...


Vedi il foglio

780,00

Kongo Feticcio
Arte tribal africana > Feticci > Kongo Feticcio

Lo sguardo simboleggia le capacità medianiche, una radice allucinogena tra i denti, questa statua africana presenta un busto con un ricettacolo per sostanze magiche. Questo tipo di scultura africana a volte illustra un proverbio. Patina crostosa impressa da caolino, crepe da essiccazione.
I Vili, i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembé, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo costituivano il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela. Il loro regno raggiunse il suo apice nel XVI secolo con il commercio dell'avorio, del rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, producevano statue con gesti codificati in relazione alla loro visione del mondo. Gli stregoni nganga, entrambi guaritori, erano incaricati delle attività religiose e della mediazione verso il Dio chiamato Nzambi ...


Vedi il foglio

1450,00

Baoule Statuetta
Arte tribal africana > Statue > Baoule Statuetta

I "doppi invertiti" nelle sculture di arte africana di Les Baule
Offrendo residui cristallizzati di pratiche rituali, questa statuetta Blobo bia, o bloblo bla, incarna uno sposo spirituale. Adotta la postura tradizionale, con le mani che valorizzano la regione ombelicale. Questo tipo di oggetto viene scolpito secondo le indicazioni del rabdomante. Patina policroma scheggiata. Crepe da essiccazione.
Una sessantina di gruppi etnici popolano la Costa d'Avorio, tra cui i Baoulé, al centro, gli Akan del Ghana, popolo della savana, che praticano la caccia e l'agricoltura proprio come i Gouro da cui hanno preso in prestito culti rituali e maschere scolpite. Due tipi di statue sono prodotte dai Baoulé , Baulé , nell'ambito rituale: Le statue Waka-Sona, "esseri di legno" in ...


Vedi il foglio

480,00

Baoule Statuetta
Arte tribal africana > Statue > Baoule Statuetta

Chiamata talvolta "colono", questa statuetta africana costituisce l'incarnazione di un marito spirituale, scolpito secondo le indicazioni dell'indovino. città. Lo sposo terreno, attraverso il culto reso a questo doppio spirituale, attende di avere indefettibilmente le sue risorse, i suoi favori e la sua protezione. Una sessantina di gruppi etnici popolano la Costa d'Avorio, tra cui i Baoulé, al centro, gli Akan del Ghana, popolo della savana, che praticano caccia e agricoltura proprio come i Gouro da cui hanno preso in prestito culti e maschere.
Patina policroma irregolare, abrasioni. Crepe di essiccazione (orecchio).


Vedi il foglio

290,00

Kongo Feticcio
Arte tribal africana > Statue > Kongo Feticcio

Figura animale africana Nkisi (pl. mankishi ) di tipo "koso", ricettacolo di ingredienti magici bishimba. L'aggiunta di accessori metallici, borse e cordini in pelle, avrebbe dovuto aumentare il potere del feticcio. Mediatore tra i vivi e i morti per il Kongo, il cane era rinomato per la sua conoscenza del mondo soprannaturale, il suo talento e la sua visione. Patina satinata marrone dorato, abrasioni.
I Vili , i Lâri, i Sûndi, i Woyo, i Bembe, i Bwende, gli Yombé e i Kôngo formavano il gruppo Kôngo, guidato dal re ntotela < /i> . Il loro regno raggiunse l'apice nel XVI secolo con il commercio di avorio, rame e la tratta degli schiavi. Con le stesse credenze e tradizioni, hanno prodotto una statuaria dotata di un gesto codificato in relazione alla loro visione del mondo.


Vedi il foglio

490,00

Ewe Statua
Arte tribal africana > Feticci > Ewe Statua

Soggetto di sesso indeterminato, corpulento e con indosso una corona di cipree, la cui postura dei piedi verso il dorso costituisce la strana specificità. Il busto è fasciato in tessuto sottolineato da una cintura composta da salsicce di tela impreziosite da conchiglie. Le estremità di una doppia corda di rafia che racchiude il collo si estendono sul busto e sulla schiena. Paziente grigio ruvido. Depositi residui granulosi.
La moltitudine di divinità fon (i vodun) associate al culto voodoo o vodun, culto religioso il cui nome deriva da una variante della parola yoruba che significa "dio", è rappresentata da feticci di ogni forma e tipo. I loro santuari si trovano in Togo, Dahomey e nella Nigeria occidentale. Ad essi si aggiungono spesso statuette che incarnano i legba, protettori ...


Vedi il foglio

1450,00

Statuetta feticcio Songye Nkishi
Arte tribal africana > Feticci > Songye feticcio

Scultura magica nkishi (pl. mankishi) del Songye il cui viso ricorda i lineamenti delle maschere kifwebe. A seconda dei casi, sarebbe anche responsabile della bishimba alloggiata nel corno o nel tallone che circonda il busto. Per i Songye, l'aggiunta di vari accessori, metallo, bigiotteria, ecc... ha rafforzato il "potere" del feticcio. Patina lucida. Erosioni e crepe.

Questi feticci protettivi per le case sono tra i più popolari in Africa. Il Nkisi svolge il ruolo di mediatore tra gli dei e gli uomini. Gli esemplari grandi sono proprietà collettiva di un intero villaggio, mentre le figure più piccole appartengono a un individuo oa una famiglia. Nel XVI secolo, i Songyes emigrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba. La loro società è ...


Vedi il foglio

490,00

Yoruba Feticcio
Arte tribal africana > Statue > Yoruba Feticcio

Interessante figura gemella con una patina marrone nera brillante per le unzioni. Gli ornamenti di perle di vetro costituiscono gli "abiku", ornamenti protettivi di questa "era" (statua) dei gemelli. Crepa da essiccazione. Nella lingua del popolo Yoruba, ibeji significa gemello: ibi per nato e eji per due < /i>. Rappresentano la figura di un gemello defunto. Questo ibedji viene quindi trattato come sarebbe stato il bambino scomparso. È la madre che deve prendersi cura di lui; può lavarlo e dargli da mangiare regolarmente. Se muore, il gemello rimanente prende il sopravvento. Accadde anche che un uomo facesse scolpire ibeji per sua moglie per indurre una gravidanza. Supporto per l'anima del gemello, l'ibeji influenza la vita della famiglia, diventando fonte di benefici per i suoi ...


Vedi il foglio

Fai un'offerta

490,00

Yoruba Feticcio
Arte tribal africana > Statue > Yoruba Feticcio

Ibeji, immagini sostitutive nell'arte africana
Questa effige riflette la scultura yoruba africana. I residui di unzione rimangono localmente cristallizzati.
Patina mogano lucida, riflessi indaco.
Nella lingua del popolo Yoruba, ibeji significa gemello: ibi per nato e eji per due < /i>. Rappresentano la figura di un gemello defunto. Questo ibedji viene quindi trattato come sarebbe stato il bambino scomparso. È la madre che deve prendersi cura di lui; può lavarlo e dargli da mangiare regolarmente. Se muore, il gemello rimanente prende il sopravvento.
Accadeva anche che un uomo facesse scolpire ibeji per sua moglie per incoraggiare la gravidanza, l'oggetto diventava un supporto per la fertilità. Supporto per l'anima del gemello, l'ibeji influenza la vita della famiglia, ...


Vedi il foglio

480,00

Feticcio del bronzo della Nigeria
Arte tribal africana > Bronzo > Feticcio del bronzo

Estratto da una collezione d'arte tribale africana belga di 17 pezzi che rappresentano diversi animali.

Questo oggetto proviene dalla Nigeria nord-orientale vicino al lago Ciad, intorno a Maiduguri, nello stato del Borno, attualmente relativamente inaccessibile perché controllato da gruppi islamici armati. La lingua dominante è Kanuri.
È un pezzo raro, associato agli spiriti protettivi, che veniva sepolto nel terreno per preservare i raccolti da animali o ladri. Le famiglie Damosaka, un gruppo etnico minoritario molto poco conosciuto nella regione, avevano questo tipo di oggetto rituale. Non abbiamo informazioni su di loro. La scultura forma una rappresentazione figurativa dettagliata di una rana che offre proporzioni realistiche. Sulla schiena del soggetto rimane ...


Vedi il foglio

780,00

Songye Feticcio
Arte tribal africana > Statue > Songye Feticcio

Opera rara, strano oggetto di curiosità che offre due teste su un busto incavato attorno a un soggetto in miniatura. Questa statua africana Nkisi, nkishi (pl. mankishi) del Songye è trafitta da numerosi chiodi. Diversi metalli adornano i volti che ricordano le maschere kifwebe. Spessa patina nera, localmente granulosa.
Il Nkisi svolge il ruolo di mediatore tra dio e uomini, responsabile, tra i Songye, della protezione contro vari mali. Gli esemplari grandi sono proprietà collettiva di un intero villaggio, mentre le figure più piccole appartengono a un individuo oa una famiglia. Nel XVI secolo, i Songyes migrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba. La loro società è organizzata in modo patriarcale. La loro storia è inseparabile da quella dei ...


Vedi il foglio

580,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal