...
opzioni di ricerca




Arte tribal africana - Maschere:


Teke Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Teke Maschera

I pittogrammi delle maschere africane Téké del Gabon insistono su opposizioni che simboleggiano la dualità nell'universo: la loro superficie è impreziosita da motivi geometrici dipinti con pigmenti policromi. Patina opaca beige e rosa ocra.
Oltre al simbolismo lunare, questi pittogrammi si riferiscono alle scarificazioni corporee regionali. È una maschera a tavola che chi la indossa tiene tra i denti usando un nastro intrecciato. Le perforazioni servivano per attaccare piume e fibre che perfezionavano l'armonia del costume. Solo gli Tsaayi, tra i sottogruppi Téké del Gabon, hanno prodotto maschere in legno della metà del XX secolo. Erano usati dai membri della confraternita segreta maschile kidumu (kidumu è il nome della società, della danza e della maschera), ai funerali dei ...


Vedi il foglio

450,00

Kongo Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Kongo Maschera

Maschera africana Kakongo o Vili. Questo tipo di maschera sarebbe stata appannaggio del nganga, sacerdote-indovino. Spessa patina opaca policroma. Crepe e abrasioni.
Altezza sulla base: 47 cm.
Queste maschere mediatrici, presenti anche nei processi di iniziazione, venivano utilizzate dagli stregoni durante i rituali di guarigione. Allo stesso tempo, venivano utilizzate anche per identificare individui che, con le loro azioni, potevano turbare l'armonia della comunità. Nel XIII secolo, il popolo Kongo, guidato dal suo re Ne Kongo, si stabilì in una regione all'incrocio dei confini tra l'attuale RDC, l'Angola e il Gabon. Il re "ntotela" controllava la nomina dei funzionari di corte e provinciali.


Vedi il foglio

390,00

Dogon Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dogon Maschera

Ex-collezione Arte tribale africana francese.
Pesante maschera africana stilizzata associata alla scimmia. La fronte sporgente, contigua alle orecchie, ripara uno spazio concavo inciso con fessure per gli occhi. Gli elementi orizzontali indicano la mascella. Superficie oliata e vellutata.
Erosioni.
La maschera Ko dei Dogon è uno dei tre tipi di maschere di scimmia: Dege raffigura un babbuino e le maschere Ko e Omono rappresentano le scimmie grivet .
Le scimmie si nutrono di frutti di baobab e spighe di miglio che rubano dai campi. Questa maschera tribale era indossata con una gonna in fibra sansevière che nascondeva la danzatrice. La coreografia di quest'ultimo è stata accompagnata da avvertimenti.
Sono elencati più di ottanta tipi di ...


Vedi il foglio

650,00

Dogon Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dogon Maschera

Maschera Dogon di tipo indeterminato, i cui lineamenti sono scolpiti in modo piuttosto figurato. Un elmo incornicia il volto, dove siede un fragile soggetto scolpito, legato a un essere della cosmogonia Dogon, un antenato o uno spirito. Superficie irregolare, patina marrone opaca. Erosioni e crepe.
Sono elencati più di ottanta tipi di maschere Dogon, i più noti dei quali sono Kanaga, Sirigé, Satimbé, Walu. La maggior parte di essi viene utilizzata dagli iniziati circoncisi della società Awa, durante le cerimonie funebri. L'Awa designa le maschere, i loro costumi, e tutti i Dogon al servizio delle maschere. Alcuni evocano animali, in riferimento alla ricca cosmogonia e mitologia dell'arte africana dei Dogon. Il "nyama", la forza vitale della maschera, viene attivato da vari rituali ...


Vedi il foglio

750,00

Bamana Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bamana Maschera

L'arte tribale Bambara ha prodotto una varietà di maschere africane.
Stabilitasi nel Mali centrale e meridionale, i Bambara,Bamana" o "miscredenti ", come li hanno chiamati i musulmani, appartengono al grande gruppo Mande. La società di Kore è divisa in otto classi di iniziati, la sesta delle quali è quella delle iene, o surukuw.

Netto, geometrico e angolare volumi, contraddistinguono questo tipo di maschere animali dove il naso lungo è associato alla percezione sensoriale e spirituale. Sulla superficie satinata scura spiccano sottili incisioni incrociate.
Erosioni e crepe. Altezza sulla base: 55 cm.
Fonte: "Maschere di animali dell'Africa nera", G.Massa e C.Dewé. ed. Seppia.


Vedi il foglio

580,00

Senufo Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Senufo Maschera

Versione insolita della "Kpélié" o "maschera da salto", indossata durante le iniziazioni che segnano simbolicamente una morte seguita da una rinascita. Sono presenti le escrescenze laterali e le corna, tuttavia è un riferimento al bucero che compare in alto. Il labbro inferiore appuntito suggerisce la presenza di un labbro. Patina opaca localmente granulosa, marrone beige, screpolata. Altezza sulla base: 73 cm.
Le maschere africane Sénufo sono indossate dai membri maschi della società Poro, un'istituzione che controlla la vita politica ed economica. Custoditi nel recinto sacro chiamato sezang per nasconderli allo sguardo dei non iniziati, la loro funzione è quella di onorare gli anziani o addirittura di comparire ai funerali. Le maschere antropomorfe avrebbero principalmente ...


Vedi il foglio

780,00

Binji Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Binji Maschera

I Binji sono un piccolo popolo del ramo Bushoong, stabilito nell'est dell'ex regno Kuba. Una versione regionale della maschera Bwoom, le sue guance gonfie indicano che incarna un carattere estroverso o violento, che appare principalmente durante le cerimonie di iniziazione e i funerali. Patina crostosa marrone scuro, localmente screpolata, screpolature da disseccamento.
Tra i Kuba vengono utilizzati più di venti tipi di maschere, con significati e funzioni che variano da gruppo a gruppo. Tre tipi di maschere sono state associate alle danze che si svolgono nel recinto reale: la prima, chiamata Moshambwooy, rappresenta Woot, il fondatore dei Bushoong, l'eroe della cultura. Il secondo, noto come Nady Amwaash (Ngaady Un Mwash), interpreta la moglie/sorella di Woot, un personaggio che ...


Vedi il foglio

490,00

Lega Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Lega Maschera

Questa maschera tagliata in un volume rotondo viene utilizzata durante i riti di iniziazione della società Bwami. Questo è aperto a uomini e donne. Il passaggio di un grado indicava l'acquisizione di una certa saggezza e moralità individuale.
Patina satinata, residuo di caolino. erosioni. Altezza su base: 37 cm.
All'interno della Léga, la società Bwami, aperta a uomini e donne, organizzava la vita sociale e politica. C'erano fino a sette livelli di iniziazione, ciascuno associato ad emblemi. Dopo il loro esodo dall'Uganda nel XVII secolo, i Lega si stabilirono sulla sponda occidentale del fiume Lualaba nella Repubblica Democratica del Congo. Il riconoscimento sociale e l'autorità dovevano essere guadagnati individualmente: il capo doveva la sua scelta al suo cuore (mutima), ...


Vedi il foglio

490,00

Maschera Dogon
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Dogon

Tra la gamma di maschere africane elencate tra i Dogon, questo esempio di struttura geometrica classica è allungato in altezza da una sporgenza piatta. Bella patina d'uso granulosa e abrasa. La disidratazione si incrina.
Il popolo Dogon è famoso nell'arte tribale africana per i miti e le credenze relative alla loro cosmogonia.
La sua popolazione è stimata in circa 300.000 anime che vivono nel sud-ovest del ciclo del Niger nella regione di Mopti del Mali (Bandiagara, Koro, Banka), vicino a Douentza e parte del Burkina settentrionale (a nord-ovest di Ouahigouya). famose delle loro maschere sono i Kanaga, Sirigé, Satimbé, Walu. La maggior parte di essi viene utilizzata dagli iniziati circoncisi della società Awa, durante le cerimonie funebri. Alcuni rappresentano animali, in ...


Vedi il foglio

680,00

Maschera policroma Nyamwezi
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Nyamwezi

Scolpita nel legno fitto, i lineamenti di questa maschera compongono una fisionomia neutra ma potente accentuata dal contrasto dei colori. Le pesanti palpebre ricoperte di bianco attirano l'attenzione sulle guance sporgenti e sulla bocca sporgente. Patina policroma.
I Luo, Kuria, Haya e Ziba, i Kéréwé, Karagwé, Sukuma e Nyamézi sono stanziati nella regione centro-occidentale della Tanzania. I Nyamwezi, Nyamézi,("popolo occidentale" e talvolta "popolo lunare") costituiscono il gruppo più numeroso tra le tribù che vivono nella Tanzania centro-settentrionale. Provenienti da origini diverse, pur condividendo le stesse specificità culturali, la loro produzione rituale e artistica presenta di conseguenza aspetti formali molto diversi. Il culto degli antenati e dei capi, di grande ...


Vedi il foglio

380,00

Bobo Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bobo Maschera

Le maschere animali africane del Burkina Faso
Questa imponente maschera da elmo costituisce una variante della maschera africana Newenka del Bobo Fing, prendendo in prestito anche le caratteristiche dalla maschera kellé. Questo tipo di maschera veniva indossata esclusivamente dai membri della casta dei fabbri, durante le cerimonie di lutto, per accompagnare il defunto alla loro ultima residenza, la volta. La sommità presenta una cresta la cui struttura piatta e traforata è sormontata da becchi d'uccello. La decorazione è composta da triangoli la cui policromia si è estinta. Bella patina semi satinata d'uso, crepe da essiccazione e abrasioni.
Un popolo Mandingo, la maggior parte dei quali vive nel Burkina Faso orientale, ma anche nel Mali meridionale, la cultura del Bobo Fing è ...


Vedi il foglio

490,00

Chokwe Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Chokwe Maschera

Es. collezione d'arte belga africana .
Questamaschera di iniziazione africana di Chokwe Pwo si differenzia dagli esempi più recenti per caratteristiche, dimensioni e finitura, conferendole un carattere potente. Patina satinata bicolore, manca.
Altezza su base: 31 cm.
Stabilitisi pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi assoggettati all'impero Lunda dal quale ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. I Chokwé non avevano un potere centralizzato ma grandi domini. Erano loro che attiravano artisti desiderosi di mettere il loro know-how al servizio esclusivo della corte. Gli artisti crearono così tanti pezzi vari e di tale qualità che la corte di Lunda li impiegò solo. Le maschere africane Chokwe pwo, tra le ...


Vedi il foglio

490,00

Kantana Mascarilla
Arte tribal africana > Maschere > Kantana Mascarilla

Vestigia di un'antica maschera africana che forma una cresta che incarna lo spirito della boscaglia. Combina discrete caratteristiche umane all'estremità del muso, pupille sporgenti e corna arrotondate. Queste raffinatissime maschere, associate alle cerimonie mangam della Mama , o Kantana , di cui sono più note le maschere di bufalo, sono utilizzate all'interno l'etnia da parte dei membri di un'associazione maschile responsabile del mantenimento dell'ordine sociale e dell'aumento o della promozione della produzione agricola. È infatti a nord di Benoué che diversi gruppi etnici producono maschere molto stilizzate indossate orizzontalmente. Patina scura scheggiata. erosioni. Altezza su base: 50 cm.

Questa maschera le cui corna simboleggiano la fertilità viene quindi ballata ...


Vedi il foglio

850,00

Kuba Bushoong Ngady amwaash maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bushoong maschera

Intronizzazione e riti funebri nell'arte africana
Tra i Kuba vengono utilizzati più di venti tipi di maschere, con significati e funzioni che variano da gruppo a gruppo. Le cerimonie rituali erano un'opportunità per esporre arti decorative e maschere, al fine di onorare lo spirito del defunto o per onorare il re.
Associata alle danze che si svolgevano nel recinto reale, questa copia è conosciuta come Nady Amwaash ( Ngaady Un Mwash) e incarna la moglie/sorella di Woot, un personaggio che si dice sia stato introdotto per dare più risalto al ruolo delle donne. Sfoggiando il copricapo delle regine Kuba dietro una fronte rasata, questa maschera è completa di disegni geometrici dipinti e rifiniture che corrono lungo il naso tra gli occhi ciechi. Valuta precedentemente utilizzata, ...


Vedi il foglio

550,00

Maschera Songola
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Songola

Maschera africana destinata ai ranghi più alti della società Nsubi, quest'ultima anche iniziatrice delle mogli. Questa maschera i cui rilievi sono composti dalle arcate sopraccigliari e dal naso prende in prestito alcune caratteristiche dalle maschere Kumu e Mbole. La patina vellutata forma un film croccante localmente sfaldato. Altezza su base: 44 cm.
Mescolati dall'alleanza con Lega, Ngengele e Zimba, i Songola sono governati dagli anziani dei ceppi. Hanno preso in prestito dai Luba e Songye l'istituzione Luhuna composta da dignitari e quella di Bwami dalle loro mogli legate. I Songola vivono di caccia e pesca, si dedicano alla scultura, anche se gli oggetti legati al culto Bwami provengono dalla Lega. Tra la loro statuaria ridotta, le figure degli antenati della società Nsubi ...


Vedi il foglio

490,00

Maschera a casco Gelede Yoruba
Arte tribal africana > Maschere > Maschera Gelede

Ampia maschera africana indossa un berretto, mostra grandi occhi sporgenti, una particolarità dello stile Yoruba. La superficie è perforata con croci rivestite in una tinta rosso bordeaux. L'essiccazione si incrina. Patina policroma scheggiata.
Il paese di Gelede in Nigeria rende omaggio alle madri, soprattutto le più anziane, i cui poteri si dice siano paragonabili a quelli degli dei Yoruba, o orisa, e agli antenati, osi i> e che possono essere utilizzati a beneficio ma anche per la disgrazia della società. In quest'ultimo caso queste donne sono chiamate aje. Le cerimonie in maschera, attraverso spettacoli che utilizzano maschere, costumi e danze, hanno lo scopo di esortare le madri a utilizzare le loro straordinarie qualità per scopi pacificatori e costruttivi, per il bene ...


Vedi il foglio

380,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal