...
opzioni di ricerca




Arte tribal africana - Statue:


Kota Scultura
Arte tribal africana > Statue > Kota Scultura

Ex collezione d'arte africana francese, il nome di questo famoso collezionista sarà comunicato all'acquirente.
Simboleggia secondo alcuni autori il serpente naja, questa scultura africana in legno, con doppie facce placcate con listelli e fogli di metallo, è caratteristica dei Mahongwe dell'estremo nord. è il Gabon, al confine con il Congo. Nei templi dei villaggi erano custoditi cesti contenenti le reliquie degli antenati illustri, generalmente sormontati da due reliquiari. Uno di loro incarnava il fondatore della stirpe e il secondo i suoi discendenti.
Il culto degli antenati, il bwete (Nord Kota) era al centro della vita sociale e religiosa dei Kota e presenta molte analogie con quello dei < b> i>Zanna. Alla presenza esclusiva degli iniziati, le decisioni più importanti ...


Vedi il foglio

750,00

Bambara
Arte tribal africana > Statue > Bambara

Soggetto femminile raffigurante una giovane ragazza Bamana il cui alto petto emerge dalle spalle. Scarificazioni corrono lungo il busto, glutei ricurvi bilanciano il tutto appoggiato su piedi grossi. Patina marrone, abrasioni ocra. Piccole crepe e scheggiature.
I Bambaradel Mali centrale e meridionale appartengono al grande gruppo Mande, come i Soninke e i Malinke. Grandi feste in maschera chiudono i riti di iniziazione dell'associazione dyo e il rituale gwan dei Bambara nel sud del paese dei Bambara. Distribuiti su un periodo di sette anni per gli uomini, sono meno impegnativi per le donne. I nuovi iniziati celebrano poi, in gruppi, di villaggio in villaggio, la loro simbolica rinascita. Sono i figli dei fabbri che danzano attorno a queste statue che venivano poste fuori ...


Vedi il foglio

680,00

Coppia di Statue Mambila / Chamba
Arte tribal africana > Statue > Statue Chamba

Collezione ex tedesca di arte africana. Rara coppia di antiche statue Mambila il cui addome arrotondato e l'atteggiamento generale evocano potere e prosperità. Queste statue condividono caratteristiche e scarificazioni comuni con i Chamba del Camerun che vivono anche nel nord-ovest del territorio. Patina d'uso erosa, crepe da essiccazione, lacune. Nonostante il loro esiguo numero, i trentamila Mambila (o Mambilla, Mambere, Nor, Torbi, Lagubi, Tagbo, Tongbo, Bang, Ble, Juli, Bea)(gli "uomini", in Fulani), si stabilirono nel nord-ovest del Camerun , creò un gran numero di maschere e statue facilmente identificabili dai loro volti a forma di cuore. Sebbene i Mambila credano in un dio creatore chiamato Chang o Nama, adorano solo i loro antenati. I loro leader venivano sepolti nei granai ...


Vedi il foglio

950,00

Yombe Maternità
Arte tribal africana > Reparti di maternità > Yombe Maternità

Collezione di arte africana del mercante d'arte Humblet.
Scultura tribale africana denominata Phemba o Pfemba, che incarna la figura femminile della mediatrice, antenata del clan. Il bambino personifica la trasmissione matrilineare del potere. Lo sguardo vitreo simboleggia la chiaroveggenza. Patina liscia bruno-nerastra. Crepe da essiccazione, abrasioni.

Clan del gruppo Kongo, gli Yombe sono stabiliti sulla costa dell'Africa occidentale, nel sud-ovest della Repubblica del Congo e in Angola. La loro statuaria comprende notevoli reparti di maternità. L'uso di questo tipo di scultura rimane poco conosciuto.
Fonti: “il gesto del Kongo” Ed. Dapper Museum; Museo Tervuren “Tesori dell'Africa”; “Maternità africana” B. Geoffroy-Schneiter, ed. SCALA.


Vedi il foglio

780,00

Testa di zanna
Arte tribal africana > Statue > Testa di zanna

Teste reliquiari le cui pupille sono incrostate di rame. Frequenti erano i traslochi rituali da sculture di questo tipo. Patina d'uso abrasa e vellutata, erosioni, crepe da essiccamento.
Altezza su base: 27 cm.
Tra i Fang del Camerun e del Gabon, ogni famiglia possiede un "Byeri", o scatola reliquiario, in cui sono conservate le ossa degli antenati. Questi palchi erano custoditi dall'uomo più anziano del paese, l'esa. Le casse del reliquiario erano sormontate da una statua o da una testa che fungeva da guardiano delle casse "byeri". Questi erano tenuti in un angolo buio della capanna e avevano lo scopo di deviare le influenze malvagie su qualcun altro. Venivano utilizzati anche durante le cerimonie di iniziazione per i giovani legati alla società "So". Durante le feste le ...


Vedi il foglio

390,00

Statua Ada Togo
Arte tribal africana > Statue > Statua Ada

Statua il cui potente collo sostiene un viso spigoloso con tratti semplicemente tagliati. Una leggera inclinazione porta il busto in avanti, mentre una flessione degli arti accompagna il movimento. Il gluteo è prolungato da gambe curve prive di piedi. Patina opaca di colore marrone ocra. Faglia di essiccazione.
Situato vicino al litorale dell'Africa occidentale, nel Couffo in Benin e nel Medio Mono in Togo intorno all'ex. capitale dell'antico regno di Tado, il piccolo gruppo etnico Ada Adan


Vedi il foglio

650,00

Dogon Statua
Arte tribal africana > Statue > Dogon Statua

Figura scolpita con proporzioni interessanti e la cui fisionomia interiorizzata risalta grazie al suo realismo. La superficie naturale essiccata e screpolata reca impronte nerastre dovute al tempo o a pratiche libagioni. Patina opaca, crepe.
Per lo più scolpite su commissione di una famiglia, le statue Dogon possono anche essere oggetto di culto da parte dell'intera comunità quando commemorano, ad esempio, la fondazione del villaggio. Tuttavia, le loro funzioni rimangono poco conosciute. Parallelamente all'Islam, i riti religiosi Dogon sono organizzati attorno a quattro culti principali: il Lébé, relativo alla fertilità, sotto l'autorità spirituale degli Hogon, il Wagem, culto degli antenati sotto l'autorità del patriarca, il Binou che invoca il mondo degli spiriti e guidata dal ...


Vedi il foglio

980,00

Bembe Statua
Arte tribal africana > Statue > Bembe Statua

Collezione di arte tribale africana francese.
Questa figura maschile incarna un antenato, come testimoniano i tatuaggi cheloidi che segnano le diverse fasi della sua iniziazione. I suoi occhi erano tempestati di avorio, terracotta o corno.
I Béembé, stabiliti sugli altipiani della Repubblica popolare del Congo (ex Brazzaville), si distinguono dal gruppo Bembé a nord del Lago Tanganinyika. Influenzati dai riti e dalla cultura Téké, ma soprattutto da quella del Kongo, i Béembé formarono originariamente il regno del Kongo, con i Vili, gli Yombé, i Bwendé e i Woyo. Sotto la tutela del re Ntotela, eletto dai governatori, traevano le principali risorse dal commercio dell'avorio, del rame e degli schiavi.
Il capo del villaggio, chiamato nga-bula, aveva la missione di ...


Vedi il foglio

350,00

Statuetta fetish Sundi nkisi
Arte tribal africana > Feticci > Fetish Sundi

Oltre alle loro armi e oggetti di prestigio, alla loro scultura funeraria, i Sundi hanno fatto uso, individualmente e collettivamente, di feticci di evocazione o di fecondità spesso dotati di una carica magica, come questa statuetta bicolore di un tipo raro, striature di motivi triangolari. Patina marrone crosta, crepe di essiccazione.
I Vili Lâri, Sûndi, Woyo, Bembé, Bwende, Yombé e Kôngo formavano il gruppo Kôngo diretto dal re ntotela/i. Il loro regno conobbe il suo apogeo nel XVI secolo con il commercio dell'avorio, del rame e la tratta degli schiavi. Allo stesso modo, essi produssero una statuaria con una gestualità codificata in relazione alla loro visione del mondo.


Vedi il foglio

750,00

Punu Statua
Arte tribal africana > Statue > Punu Statua

Statua africana associata all'universo degli spiriti protettori, questi ultimi garanti del benessere della comunità nella cultura Punu. Secondo queste tradizioni gli spiriti dell'acqua, stanziati in vari luoghi della natura, si incarnano nelle donne e si esprimono poi attraverso di esse. La loro manifestazione provoca trance di possessione. Anche qui viene illustrata la predilezione del popolo Punu per i copricapi intelligenti composti da trecce assemblate in conchiglie. Il soggetto porta zucche o zucche che simboleggiano la prosperità. Presenti nel bacino del Congo, i Punu si stabilirono anche nel sud e nel sud-ovest del Gabon. Onorano i loro antenati e geni con riti magici. Conosciuti principalmente per le loro maschere bianche della società Mukudji, hanno prodotto poche figure ...


Vedi il foglio

650,00

Lobi Statuetta
Arte tribal africana > Statue > Lobi Statuetta

Scultura Statuetta africana Lobi in postura rettilinea, palpebre orizzontali, in rilievo e abbassate, e labbra serrate che esprimono uno stato di intensa contemplazione. Si tratterebbe di una statuetta ad uso divinatorio, spesso utilizzata in coppia maschio/femmina. Patina lucida d'uso, screpolatura da essiccazione.
Tra i Lobi del Burkina Faso, questi spiriti trasmettono agli indovini le leggi che i seguaci devono seguire per ricevere la loro protezione.
Le sculture in legno o rame chiamate Bateba (di qualsiasi dimensione, figurative o astratte), adottano diversi atteggiamenti che simboleggiano il potere o il particolare talento che lo spirito utilizza per proteggere i suoi proprietari. Queste figurine vengono poste sulle tombe, in un angolo buio della casa dei ...


Vedi il foglio

390,00

Baoule Statuetta
Arte tribal africana > Statue > Baoule Statuetta

Nell'arte tradizionale africana, i "coloni" sono sculture figurative antropomorfe di vario aspetto, che spesso rappresentano gli occidentali. Gli elementi sono costanti: costumi dei dipendenti pubblici, abiti religiosi, uniformi dei soldati, elmetti, ecc... Espressioni di arte naif o caricature sociali, assumono il più delle volte anche tinte accese e colorate.
Presso i Baoule, invece, questo tipo di scultura incarnava anche la “sposa ideale” in un contesto rituale. Una ricorrenza frequente: la postura disinvolta e rilassata, le mani in tasca.


Soggetto accuratamente dettagliato, policromia opaca e abrasa.


Vedi il foglio

390,00

Bronzo del Benin
Arte tribal africana > Bronzo > Bronzo del Benin

Scultura tarda in lega di bronzo di tipo Benin, raffigurante un re o "oba" che brandisce una lancia e la spada cerimoniale "eben".
Patina nera opaca.
Prima della distruzione del palazzo del Regno del Benin nel 1897, il carattere divino dei re, gli Oba, era illustrato da molteplici opere che celebravano il loro potere. Scene guerresche erano riprodotte su placche narrative in bronzo e affisse alle pareti. Sontuosi altari in bronzo, figure commemorative dei capi defunti, pesanti braccialetti, cavigliere e recadi venivano prodotti in quantità in numerosi laboratori di fonderia utilizzando la tecnica della fusione a cera persa. Le numerose teste e statue in ottone realizzate dagli artisti del Benin erano riservate all'uso esclusivo degli abitanti del palazzo reale e, il più delle ...


Vedi il foglio

2500,00

Mbete Reliquiario
Arte tribal africana > Statue > Mbete Reliquiario

Statue di antenati che formano reliquiari nell'arte africana di Mbede, Mbete o Ambete.
Nella parte posteriore di questa statua è stata scavata una cavità per posizionare frammenti di reliquie degli antenati del clan. L'enfasi è sui genitali del soggetto, evocando la filiazione. Patina grigiastra squamata. Piccole crepe ed erosioni.
I Mbete costituiscono un popolo del Gabon, confinante con gli Obamba e i Pounou, al confine con il Medio Congo, la cui storia è stata segnata da un lungo conflitto contro i Teke. Non hanno un’organizzazione politica centralizzata e praticano il culto degli antenati.


Vedi il foglio

850,00

Beembe Statua
Arte tribal africana > Statue > Beembe Statua

I Beembé sono rinomati nell'arte africana per le loro statue che incarnano antenati dediti alla fertilità e ai rituali di guarigione.
Figura maschile in stile naturalista, seduta su uno spesso blocco, e il cui sguardo, talvolta incastonato in avorio o terracotta, è qui rivestito di bianco. Superficie lucida marrone dorato.
Danni xilofagi trattati, erosioni e fessurazioni.
Fondato sugli altipiani della Repubblica Popolare del Congo ex Brazzaville, da non confondere con il gruppo Bembé del nord del Lago Tanganinyika, il piccolo gruppo Babembé, Béembé, è stato influenzato dai riti e dalla cultura Téké, ma soprattutto da quella Kongos. I Béembé formavano originariamente il regno Kongo, con i Vili, gli Yombé, i Bwendé e i Woyo. Il capo del villaggio, nga-bula, aveva il ...


Vedi il foglio

490,00

Senoufo Statua
Arte tribal africana > Statue > Senoufo Statua

Le sculture Poro nell'arte africana
Questa figura maschile, le cui gambe affondano nella base formando un pestello chiamato "sedine" o "dol " a seconda sul dialetto, assume un atteggiamento altezzoso. Nella sua mano, uno strumento agricolo. Patina nera liscia. Erosioni minori.
I Senoufos, nome dato loro dai coloni francesi, sono costituiti principalmente da agricoltori dispersi tra Mali, Costa d'Avorio e Burkina Faso. I consigli degli anziani, guidati da un capo eletto, amministrano i villaggi Senufo. Governati da tradizioni matrilineari, sono costituiti da gruppi di abitazioni detti katiolo. Ciascuno di essi ha una propria associazione Poro che introduce i ragazzi a partire dai sette anni in una successione di tre cicli della durata di sette anni. Si riuniscono in un recinto ...


Vedi il foglio

750,00

Bamoun Cavaliere
Arte tribal africana > Jumper > Bamoun Cavaliere

Questa scultura africana raffigurante un cavaliere Bamoun che controlla un cavallo impennato rappresenterebbe il re N'Doya nella sua vittoria sui Fulani nel XIX secolo. Scultura in pelle. Il re è vestito con un abito tessile, poiché gli Hausa hanno introdotto trasformazioni nell'abbigliamento dei Bamoun, e i suoi piedi sono infilati in staffe fatte di aste di vimini. Buone condizioni generali nonostante alcune abrasioni.
I Bamun vivono in una regione ricca di terreni boscosi ma anche di savane. Questo vasto territorio chiamato Grassland situato nel sud-ovest del Camerun è anche sede di altri gruppi etnici vicini come i Bamiléké e i Tikar. L'arte Bamoun è illustrata da sculture in bassorilievi, raffiguranti combattimenti, feste e cacce riferite al passato, che adornano le porte e ...


Vedi il foglio

750,00

Chokwe Statua
Arte tribal africana > Statue > Chokwe Statua

Collezione di arte africana del gallerista Humblet.
Riferendosi al mitico antenato che intervenne sulla fertilità umana e sulla fertilità della terra, questa versione femminile della scultura Chokwe rimane rara. La cura riservata ai numerosi dettagli, alla postura del soggetto e alla sua anatomia generale, conferiscono a quest'opera una dimensione unica ("Chokwe e i loro vicini bantu" Rodrigues de Areia.) br> Patina arancio-marrone lucida. Crepe e lacune.
Insediati pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi soggetti all'impero Lunda da cui ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Tuttavia, i Chokwé non adottarono mai pienamente questi nuovi contributi sociali e politici. Tre secoli dopo finirono per impadronirsi ...


Vedi il foglio

780,00

Mumuye Statua
Arte tribal africana > Statue > Mumuye Statua

La tensione dinamica caratterizza le sculture dell'arte africana Mumuye, come illustra questa statua tribale Mumuye, realizzata da uno scultore Rati o Molabaiene, parte della collezione Mercier, tramandata da tre generazioni. Il busto arcuato colonnare si apre verso gambe ridotte e merlate, mentre lunghe braccia penzolanti, dotate di mani a spatola, incorniciano un ombelico prominente. Sormontata da un collo massiccio, la testa stretta e ovoidale sfoggia l'acconciatura caratteristica del clan e tracce di orecchie distese da riccioli, attributo esclusivamente femminile all'interno del gruppo etnico.
La patina scura, con riflessi dorati, testimonia il tempo e le esperienze passate, con abrasioni, crepe e deterioramenti.
Originario della regione nordoccidentale del Medio ...


Vedi il foglio

Prezzo su richiesta

Baule Statua
Arte tribal africana > Statue > Baule Statua

Ex collezione di arte tribale africana francese, il nome di questo prestigioso collezionista verrà comunicato all'acquirente.
Scultura femminile rappresentata seduta e rispondente ai cannoni Baoulé della Costa d'Avorio. Patina nera lucida. Pezzo base.
I Baoulé producono due categorie di statue nel contesto rituale. Le statue Waka-Sona, che in Baoulé significano “essere di legno”, rappresentano gli Assié Oussou, esseri della terra. Fanno parte di una serie di statue progettate per servire come strumenti medi per i divinatori Komien, scelti dagli spiriti Asye Usu per trasmettere messaggi dall'aldilà. Il secondo tipo di statua rappresenta gli “sposi dell'aldilà”. Esiste una versione maschile, il Blolo Bian, e una versione femminile, il Blolo Bia. Queste statue incarnano una ...


Vedi il foglio

750,00

Bamana Sculture
Arte tribal africana > Ferro nero > Bamana Sculture

Collezione francese di arte tribale africana. Patina crostosa eterogenea per questi antichi soggetti esili, associati alla coppia primordiale, realizzati in ferro nero. La base è di 15 cm/9 cm e un'altezza di 5 cm.
Stabiliti nel centro e nel sud del Mali, in una zona di savana, i Bambara, “Bamana” o “miscredenti”, come li chiamavano i musulmani, appartengono al grande gruppo Mande, con i Soninke e i Malinke. Prevalentemente agricoltori, ma anche allevatori, costituiscono il gruppo etnico più numeroso del Mali. Gruppi di artigiani Bambara nyamakala, più precisamente fabbri chiamati numu, sono responsabili dell'intaglio di oggetti rituali, dotati di nyama, energia occulta. Usando il fuoco e oggetti magici, viene loro assegnato anche il ruolo di guaritore e indovino.
I loro ...


Vedi il foglio

Fai un'offerta

4900,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal