...
opzioni di ricerca




Arte tribal africana - Maschere:


Dan Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dan Maschera

Questa maschera africana Dan di nome Déanglé offre caratteristiche orlate meticolosamente. Il teschio privo di accessori esalta i contorni e la modellazione del viso. Patina nera lucida.
Altezza della base: 30 cm.
Le maschere Dan, di vari stili, compaiono generalmente durante festival di intrattenimento molto teatrali in cui le donne hanno un ruolo da protagoniste. La maschera cosiddetta "beffarda", detta Déanglé, definisce un ideale di bellezza e benevolenza perché scolpita in onore delle giovani ragazze del villaggio o di uomini illustri. Utilizzati anche durante i riti di circoncisione, compaiono in compagnia delle maschere cantanti gle sö e delle grandi maschere go ge relative alla società go, che esercita la giustizia e mantiene la pace. In generale, le maschere dan ...


Vedi il foglio

750,00

Testa di cresta Mumuye
Arte tribal africana > Maschere > Cresta Mumuye

Questa scultura formava la sommità di una maschera a cresta verticale di mumuye. Maschere di questa natura, associate alle cerimonie agrarie per promuovere i raccolti, la salute e la fertilità umana, erano usate dai gruppi vicini, Wurkun/Bikwin, Mumuye e Jukun, stabiliti nel centro di Benoué. L'indossatore della maschera presumibilmente la stava tenendo in equilibrio sulla testa. br />
Il viso è sormontato da una cresta che evoca le acconciature del gruppo. Gli elementi sono arricchiti con pigmenti policromi e i motivi associati alle scarificazioni in uso sono incisi sulla superficie.
Patina satinata, abrasioni ed erosioni.
Les 100 000 locuteurs de langue Adamawa forment un groupe appelé Mumuye et sont regroupés en villages , dola ,divisés en deux groupes : ...


Vedi il foglio

240,00

Songye Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Songye Maschera

Questa maschera africana Songye di tipo maschile offre una struttura geometrica da cui emergono caratteristiche spettacolari. Striature tricolori delineano i volumi. Utilizzate anche dai Luba, indossate con un lungo costume e una lunga barba in fibre naturali, le maschere Kifwebe fungevano da polizia segreta a favore del potere, al fine di controllare gli individui attraverso la magia. Apparivano anche durante le fasi cruciali delle cerimonie di iniziazione e ora durante le celebrazioni. Altezza sulla base: 60 cm. Erosioni e crepe da disseccamento.
Nel XVI secolo, i Songyes migrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba. La loro società è organizzata in modo patriarcale. La loro storia è inseparabile da quella dei Luba ai quali sono imparentati ...


Vedi il foglio

480,00

Ibibio maschera
Arte tribal africana > Maschere > Ibibio maschera

Come se fosse scolpita nella pietra, questa maschera presenta un viso con un'arcata sopracciliare, un naso e una mascella spessa. Relativamente strette, le palpebre hanno una leggera asimmetria. Lunghi paraorecchie rettangolari corrono lungo il viso, che è sormontato da una cresta orizzontale merlata. Patina maculata abrasa.
Gli Ibibios sono un popolo dell'Africa occidentale, presente principalmente nel sud-est della Nigeria (Stato di Akwa Ibom), ma anche in Ghana, Camerun e Guinea Equatoriale. Le società segrete sono numerose tra gli Ibibo insediati a ovest del fiume Cross. Senza un governo centralizzato, la loro organizzazione sociale è paragonabile a quella del vicino Igbo. Il culto degli antenati è sotto l'autorità dei membri di più alto rango dell'Ekpo. Questi ultimi usano ...


Vedi il foglio

380,00

Mossi Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Mossi Maschera

Questa maschera mossi africana offre diversi attributi zoomorfi. La sua decorazione è costituita da motivi appena contrastanti, cesellati alternativamente sulla superficie opaca. Il detentore della maschera e la sua famiglia veneravano l'oggetto attraverso offerte come la birra di miglio, invocandone la protezione.

Le maschere Mossi, personali o di lignaggio, costituiscono un'incarnazione di spiriti tutelari che offrono il loro sostegno. Si esibiscono ai funerali, ai funerali dei leader dei clan e proteggono i raccolti. La loro comparsa è ormai frequente durante gli spettacoli di intrattenimento. L'Alto Volta, Burkina Faso dall'indipendenza, è formato dai discendenti degli invasori Nakomse, cavalieri provenienti dal Ghana, e dei Tengabibisi, discendenti degli indigeni. Tra ...


Vedi il foglio

680,00

Dogon Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dogon Maschera

Maschera africana Dogon, scolpita in legno denso, composta da una maschera facciale dall'aspetto geometrico e un soggetto che può simboleggiare il mitico antenato o un animale totem. Patina grigio granulosa, residue incrostazioni ocra. Crepe. Abrasioni.
Vengono elencati più di ottanta tipi di maschere Dogon, le più conosciute delle quali sono Kanaga, Sirigé, Satimbé, Walu. La maggior parte di essi vengono utilizzati dagli iniziati circoncisi della società Awa, durante le cerimonie funebri. L'Awa designa le maschere, i loro costumi e tutti i Dogon che fungono da maschere. Alcuni evocano animali, in riferimento alla ricca cosmogonia e mitologia dell'arte Dogon africana. Il "nyama", la forza vitale della maschera, viene attivata da diversi rituali al fine di sviluppare tutto il ...


Vedi il foglio

490,00

Bambara Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bambara Maschera

È attraverso diverse società segrete che gli iniziati Bambara acquisiscono la loro conoscenza, compresa quella di Koré, prendendo di mira gli anziani e durante la quale interviene questa maschera. La società di Cora è divisa in otto classi di iniziati, la sesta delle quali è quella delle iene, o surukuw. In questo caso il leone simboleggia i potenti che dominano il popolo così come i presuntuosi signori della guerra. Patina opaca granulosa. Crepe ed erosioni.
Stabiliti nel centro e nel sud del Mali, in una zona di savana, i Bambara, “Bamana” o “miscredenti”, come li chiamavano i musulmani, appartengono al grande gruppo Mande, con i Soninke e i Malinke. Gruppi di artigiani Bambara nyamakala, più precisamente fabbri chiamati numu, sono incaricati di intagliare oggetti rituali, ...


Vedi il foglio

790,00

Dan Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dan Maschera

Ex collezione belga di arte africana. Maschera africana il cui sguardo è evidenziato con caolino, dalla bocca sporgente emergono le zanne. Superficie puntinata irregolare, sbeccature sui contorni.
Fu in seguito a sogni in cui gli spiriti si manifestarono che le maschere furono scolpite secondo precise indicazioni, per essere onorate attraverso le loro apparizioni.
Le maschere Dan, di vari stili, compaiono generalmente durante festival di intrattenimento molto teatrali in cui le donne hanno un ruolo da protagoniste. La cosiddetta maschera beffarda detta Déanglé definisce un ideale di bellezza e benevolenza perché scolpita in onore delle giovani ragazze del villaggio o di uomini illustri. Il Tankaglé e il Déanglé sono relativamente simili. Ogni maschera aveva un nome ...


Vedi il foglio

620,00

Fang Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Fang Maschera

Arte africana Zanna
Indossando un copricapo con visiera incorniciato da panini triangolari, questa maschera offre un viso con gli occhi socchiusi e una bocca sporgente con smorfie. Una scarificazione a coste corre dalla punta del naso alla sommità della fronte e si divide lungo le arcate sopraccigliari. Patina grigio beige eterogenea, erosioni.
Questo tipo di maschera era usata dalla società maschile ngil che oggi non esiste più. Questa società segreta era responsabile delle iniziazioni e combatteva contro la stregoneria. Il ngil era un rito di purificazione del fuoco simboleggiato dal gorilla. I portatori di queste maschere, sempre in gran numero, apparivano di notte, illuminati da torce. Il loro intervento è stato legato anche alla funzione giudiziaria segnalando i ...


Vedi il foglio

380,00

Bete Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bete Maschera

Collezione belga di arte tribale.
Opera d'arte africana costituita da un'imponente maschera di origine Bété, presente tra il Dida meridionale e il Gouro. Il costolone mediano che corre lungo la facciata a cupola ricorda le scarificazioni in uso. Il filtro corre verso grandi piastre circolari semiaperte come fauci spalancate. Sono delimitati da un pezzo di tela sottolineato da perline tricolori, tenuto stretto da un intreccio di vimini.
Patina puntinata abrasa. Punti salienti colorati.
I Bété sono un popolo stabilitosi sulla riva sinistra del fiume Sassandra, nel sud-ovest della Costa d'Avorio. Vicino ai Kouya e ai Niabwa, la costruzione delle loro maschere, così come la loro funzione, presentano grandi somiglianze. Queste maschere introdotte dai Niabwa venivano scolpite ...


Vedi il foglio

980,00

Maschera di bufalo Mama Mangam Kantana
Arte tribal africana > Maschere > Mama Maschera

Questa versione di maschera africana, una maschera a cresta che incarna lo spirito della boscaglia, combina caratteristiche animali come un becco o una bocca bifida e corna arrotondate che si innalzano da un volume conico. Queste raffinatissime maschere, associate alle cerimonie mangam della mamma, o Kantana, qui maschera di bufalo, sono usate all'interno dell'etnia da membri di un'associazione maschile responsabile del mantenimento dell'ordine sociale e dell'aumento o della promozione della produzione agricola. È infatti a nord di Benoué che diversi gruppi etnici producono maschere molto stilizzate indossate orizzontalmente.

Patina vellutata rosa ocra.
Crepe di essiccazione e segni di utilizzo.

Questa maschera le cui corna simboleggiano la ...


Vedi il foglio

490,00

Suku Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Suku Maschera

Ex collezione francese di arte africana. Un cefalofo di nome tsetsi, un animale totem per gli iniziati che simboleggia le qualità di agilità del danzatore africano, siede in cima a questa maschera di circoncisione. Questo tipo di maschera africana veniva utilizzata anche durante vari riti, poi veniva conservata nell'abitazione del suo proprietario. Crepe, erosioni.
I gruppi Suku dello Zaire sud-occidentale, e gli Yaka, molto vicini geograficamente, riconoscono origini comuni e hanno la stessa struttura sociale e pratiche culturali simili. Possono essere differenziati solo dalle loro variazioni stilistiche. Il mukanda è il nome dato a tutti i riti che circondano la cerimonia di iniziazione dei giovani pubescenti, che segna la fine dell'infanzia e condiviso da molte comunità. Questa ...


Vedi il foglio

390,00

Lwalwa Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Lwalwa Maschera

Interessante maschera africana di modeste dimensioni, lwalwa o kuba, che offre un naso adunco atipico, un copricapo svasato e un ornamento di chiodi da tappezzeria. Erosioni. Altezza sulla base: 27 cm.
È vicino al fiume Kasai che vivono i Lwalwa, tra l'Angola e lo Zaire. Avendo storicamente una società matrilineare, i Lwalwa, dopo aver subito l'influenza di Luba e Songye, adottarono un sistema patrilineare all'interno della loro rudimentale organizzazione politica e sociale. La maschera maschile nkaki, scolpita nel legno mulela, è uno dei quattro tipi di maschere prodotte dalla casta privilegiata formata dai loro scultori: questi artigiani, secondo i loro meriti, possono diventare leader e organizzare danze, tra cui il balango, durante il quale vengono eseguite acrobazie da ...


Vedi il foglio

490,00

Gelede Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Gelede Maschera

Collezione d'arte tribale africana francese.
Questa maschera africana forma una riproduzione in miniatura di una grande maschera della società Gelede, ovvero una testa umana sormontata da una scena, in questo caso una figura di divinità seduta, circondata da soggetti minori. Destinato all'uso individuale, questo tipo di oggetto si trovava sull'altare di famiglia. Patina policroma opaca.
Il paese di Gelede in Nigeria rende omaggio alle madri, soprattutto le più anziane, i cui poteri si dice siano paragonabili a quelli degli dei Yoruba, o orisa, e agli antenati, osi i> e che possono essere utilizzati a beneficio ma anche per la disgrazia della società. In quest'ultimo caso queste donne sono chiamate aje. Le cerimonie in maschera, attraverso spettacoli che utilizzano maschere, ...


Vedi il foglio

290,00

Bodi Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bodi Maschera

Maschera a forma di struttura a vimini drappeggiata in tessuto, che imprigiona nella parte superiore un mazzo di piume, il tutto abbondantemente foderato di fibre di rafia. Il tutto formava uno strano cappello per il ballerino la cui maschera consisteva in pitture facciali. Istituito nel bacino di Ogooué, il gruppo Okandé di lingua Membé, vicino al Punu, Pounou, è composto dai gruppi etnici Tsogho, Pové (Vuvi), Okandé, Evea e Apndji. Questi gruppi etnici praticano il culto di Mwiri, una società di iniziazione maschile. Fonte: "Maschere del Gabon", ed. si sveglia; http://www.theatramour.com/masque_bodi.php.


Vedi il foglio

480,00

Dogon Walu maschera
Arte tribal africana > Maschere > Dogon maschera

Insolita variante della maschera associata tra i Dogon all'antilope. Le corna piegate all'indietro ricordano il walu, animale legato alla cosmogonia Dogon. Il viso circondato da una barba offre lineamenti potenti. Patina grassa abrasa.
Parallelamente all'Islam, i riti religiosi Dogon sono organizzati attorno a quattro culti principali: il Lébé, relativo alla fertilità, il Wagem, culto degli antenati sotto l'autorità del patriarca, il Binou che invoca il mondo degli spiriti e la società delle maschere Awa per quanto riguarda i funerali. La "dama" è una cerimonia dedicata al ripristino dell'ordine delle cose dopo il lutto. Fu originariamente per proteggersi dalla "nyama" (anima) della vittima che i Dogon scolpirono una maschera a immagine di un animale. Garante dell'ordine, la ...


Vedi il foglio

450,00

Tschokwe Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Tschokwe Maschera

Collezione belga di arte africana. Sempre indossate dagli iniziati di rango superiore, queste maschere africane incarnano un'antenata femminile "mwana pwo". Questa maschera qui costituisce un esempio particolarmente raffinato con dettagli accurati, minuscoli intarsi in rame che disegnano i motivi delle guance, filo di rame che corre lungo il ponte del naso. Anche l'elaborato copricapo rimane in ottime condizioni. Patina liscia rosso-marrone.
Altezza sulla base: 48 cm.
Insediati pacificamente nell'Angola orientale fino al XVI secolo, i Chokwé furono poi soggetti all'impero Lunda da cui ereditarono un nuovo sistema gerarchico e la sacralità del potere. Le maschere africane Chokwe pwo, tra le tante maschere akishi (canta: mukishi, che indica il potere) dell'arte africana ...


Vedi il foglio

1750,00

Vuvi Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Vuvi Maschera

Ex collezione belga di arte tribale africana.
Legate alle maschere africane Okuyi dei gruppi etnici Punu delle tribù Shira, le maschere africane scolpite dai loro vicini, Vuvi, Galoa e Mitsogho, vengono rivestiti con pigmenti bianchi per scopi apotropaici. Si tratta di una variante la cui superficie bordeaux è attraversata da striature sbiancate. Erosioni. Vecchi restauri. Altezza sulla base: 44 cm.
Il gruppo etnico Mitsogho, Sogho, è stabilito in una regione forestale sulla riva destra del fiume Ngoumé. La società Bwiti, o Bweté, che ha un sistema di reliquiari paragonabile a quello dei Fang e dei Kota, formava la coesione delle famiglie Mitsogho. Le loro maschere venivano indossate di notte dagli iniziati sotto l'effetto della pianta allucinogena iboga, in occasione dei ...


Vedi il foglio

450,00

Bamileke Maschera
Arte tribal africana > Cappelli > Bamileke Maschera

Collezione di arte africana proveniente da un gallerista belga la cui identità verrà comunicata all'acquirente.
Costume rituale della confraternita segreta Ku'ngang del regno di Bansoa. Questa maschera africana sormontata da corna di bue e allungata da lunghe trecce è composta, attorno ad una struttura in vimini, da un assemblaggio di vari materiali con connotazioni simboliche, tra cui capelli naturali. Il numero delle corna e la presenza dei peli indicano il rango dell'iniziato. Questa maschera offre variazioni a seconda dei chiefdom. Appare in pubblico ma il più delle volte partecipa in segreto a cerimonie rituali codificate tra i membri dell'organizzazione.
Situata nella regione di confine della Nigeria, nella provincia nord-occidentale del Camerun, Grassland è composta ...


Vedi il foglio

1950,00

Bushoong Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Bushoong Maschera

Intronizzazione e riti funebri nell'arte africana
Il regno Kuba fu fondato nel XVI secolo dai Bushoong che sono ancora oggi governati da un re. Costituisce il gruppo più prolifico del Kasai occidentale. Le cerimonie rituali erano l'occasione per esibire arti decorative e maschere, per onorare lo spirito del defunto o per onorare il re. Associato alle danze che si svolgevano nel recinto reale, questo esemplare è noto come Nady Amwaash (Ngaady Un Mwash) e incarna la moglie/sorella di Woot, un personaggio che sarebbe stato introdotto per dare più importanza al ruolo delle donne . Gli occhi ciechi sono separati da un nastro di rafia cucito con perle che simboleggiano ricchezza e status sociale. Questa versione rara e pesante combina vari materiali tra cui un'elaborata acconciatura ...


Vedi il foglio

750,00

Idoma Cresta
Arte tribal africana > Maschere > Idoma Cresta

Ex collezione francese di arte africana.
Gli Idoma vivono alla confluenza del Benué e del Niger. Sono 500.000, agricoltori e commercianti. Il quartiere e quindi le influenze dei gruppi etnici Igbo, quelli dei Cross River e degli Igala, hanno generato prestiti stilistici e grandi somiglianze tribali. I membri della stirpe reale della loro società oglinye, glorificando il coraggio, usano maschere e stemmi durante i funerali e le festività. Produssero anche statue della fertilità con volti sbiancati e con denti incisi. Gli stemmi gianiformi sono generalmente esposti ai funerali dei notabili.
Patina scura, riflessi policromi. Crepe, erosioni e lacune.


Vedi il foglio

490,00





Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal