Art tribal africain

Competenza nell'arte africana

Dalle maschere africane alle statue e ai bronzi, il vostro primo e più importante vantaggio, è la certezza di acquistare sul nostro sito, oggetti d'arte di qualità, autentici < africani. Ogni pezzo della nostra galleria d'arte africana è valutato da uno specialista di arte africana prima di essere messo in vendita, il che vi garantisce un acquisto di altissima qualità. Alcuni oggetti della nostra collezione d'arte africana sono stati acquisiti da rinomati musei.

Competenza nell'arte africana

Dalle maschere africane alle statue e ai bronzi, il vostro primo e più importante vantaggio, è la certezza di acquistare sul nostro sito, oggetti d'arte di qualità, autentici < africani. Ogni pezzo della nostra galleria d'arte africana è valutato da uno specialista di arte africana prima di essere messo in vendita, il che vi garantisce un acquisto di altissima qualità. Alcuni oggetti della nostra collezione d'arte africana sono stati acquisiti da rinomati musei.

I prezzi

Una semplice occhiata al nostro sito vi mostrerà che offriamo i migliori prezzi sul mercato dell'arte africana senza alcuna concessione sulla qualità dei pezzi. E questo grazie al fatto che, essendo i pionieri della vendita online di arte africana, abbiamo, tra l'altro, ottimizzato la logistica che ci permette di ridurre notevolmente i costi operativi. Voi siete il beneficiario.

La nostra galleria d'arte africana

Presenti sul web dal 1999, siamo anche una galleria d'arte africana fisica, quindi non esitate a venirci a trovare, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00, il sabato dalle 10:00 alle 19:00 e la domenica su appuntamento, al 73 di Rue de Tournai 7333 Tertre in Belgio. In questi stessi orari potete anche contattarci al numero +32 (0)65.529.100.

Sei un antiquario, gallerista, rivenditore, decoratore, non esitare a contattarci.
Vuoi vendere opere d'arte africana? Acquistiamo collezioni di arte africana!

Gli ultimi oggetti d'arte tribale

Hopi Bambola
Arte tribal africana > Bambole > Hopi Bambola

L'espressione gioiosa e colorata degli indiani Hopi del Nord America.
Testimoni delle tradizioni delle popolazioni indiane Hopi dell'Arizona, gli oggetti scolpiti di Katsinam (sing. Kachina) si esprimono durante le danze tradizionali che accompagnano le annuali feste della pioggia. Impreziosite da aree colorate di bellissimo effetto decorativo, le tradizionali bambole Kachina scolpite nel legno sono, per il gruppo dei nativi americani Pueblo (Hopi, Zuni, Tewa Village, Acoma Pueblo e Laguna Pueblo), strumenti educativi offerti ai bambini al termine delle feste rituali . Queste statuette, che incarnano una grande diversità di spiriti, rappresentano ballerini di katchina e i colori sono associati ai punti cardinali. La patina è opaca e vellutata, presentano erosioni.


Vedi il foglio

290,00

Dogon Otturatore
Arte tribal africana > Porte e persiane > Dogon Otturatore

I sistemi di chiusura delle regioni sudanesi nell'arte tribale.
Questa vecchia persiana per soffitta è costituita dall'assemblaggio di due assi verticali. Se i motivi scolpiti rappresentano spesso generazioni precedenti o antenati mitici, il simbolismo associato alla fertilità è ricorrente. Patina opaca eterogenea, screpolature da essiccazione.
Le saracinesche chiudevano le aperture dei granai di grano (sorgo o miglio) posti in alto per proteggerli dai roditori. Una scala consentiva l'accesso. I motivi presenti sulle porte del Mali, oltre al loro valore decorativo, hanno lo scopo di dissuadere l'intruso, sia umano che animale, dall'entrare. Le serrature e le porte sono ricavate da legno scelto in base alla funzione dell'edificio in cui verranno utilizzate, perché ad ogni ...


Vedi il foglio

490,00

Bushinenge Sgabello
Arte tribal africana > Arte del mondo > Bushinenge Sgabello

Questo vecchio sgabello in legno intagliato costituisce un esempio di scultura tribale marrone. La seduta rettangolare e concava poggia su due assi verticali collegate da blocchi più piccoli. I motivi decorativi, cesellati sulla superficie, sono impreziositi da borchie regolari. Abrasioni discrete.
Nel XVII secolo, gli schiavi neri africani, fuggiti dalle piantagioni della Guyana olandese, fuggirono nelle remote foreste del Suriname, sulle rive del Maroni. Chiamati "neri marroni", "marroni", i Bushinengé, discendenti di questi schiavi, sono all'origine dell'arte ancestrale Tembé che si accompagna a motivi che compongono un vero linguaggio pittorico.


Vedi il foglio

280,00

Fang Statua
Arte tribal africana > Statue > Fang Statua

Ex collezione francese di arte africana Scultura antropomorfa raffigurante l'antenato, associata al culto Byeri. Queste figure scolpite fungono da "guardiani".
Portato da gambe semiflesse con muscoli prominenti, il soggetto femminile offre uno sguardo sporgente che rivela una trance.
Patina opaca granulosa, erosioni. Altezza sulla base: 72 cm.

Tra i Fang del Camerun e del Gabon, ogni famiglia possiede un "Byeri", o scatola reliquiario, in cui sono conservate le ossa degli antenati. Questi palchi erano custoditi dall'uomo più anziano del paese, l'esa. Le cassette-reliquiario erano sormontate da una statua o testa che fungeva da custode delle cassette “byeri”. Questi venivano conservati in un angolo buio della capanna e avevano lo scopo di deviare le influenze ...


Vedi il foglio

750,00

Songye Bastone
Arte tribal africana > Bastone di comando > Songye Bastone

I volumi cubisti della scultura Songye, punto forte della decorazione tribale.
Oggetto di potere e sfarzo, questo bastone di comando Songye è sormontato da una figura scolpita, un feticcio tradizionale con sostanze magiche bijimba. Le sezioni si susseguono guarnite con filo e lastra di rame, il bastone viene poi avvolto in tessuto, la sua estremità forma un ciuffo di crine di cavallo. Questo tipo di feticcio era dedicato alla fertilità, alla protezione individuale o del villaggio e ad alcune statue alla luna. Patina marrone.
I Songye provenivano da Shaba nella RDC. e, mescolandosi con i pigmei della regione, si stabilirono tra il fiume Lualaba e il fiume Sankuru in mezzo alla savana e alle foreste. Sono governati dagli yakitengé e dai capi locali. La società segreta Bwadi, ...


Vedi il foglio

490,00

Statua femminile di Baga
Arte tribal africana > Statue > Statua di Baga

Collezione d'arte tribale africana francese.
Tra i Baga, l'associazione femminile è sotto la direzione di a-Bol, donna di Somtup, spirito della società maschile. Incarnando probabilmente questo spirito a cui periodicamente venivano offerti sacrifici, la scultura raccolta in Guinea-Bissau, incarna il concetto di bellezza locale, scolpita con molti dettagli come l'acconciatura intrecciata, le scarificazioni tradizionali, i bracciali. La patina grassa mostra tracce sparse di unzioni rituali.
Misti ai Nalu e ai Landiman, i Baga vivono lungo le coste della Guinea-Bissau in zone di paludi allagate sei mesi all'anno. Questi gruppi Baga stanziati sulla costa e che vivono della coltivazione del riso sono costituiti da sette sottogruppi, tra cui Baga Kalum, Bulongic, Baga sitem, Baga ...


Vedi il foglio

290,00

Sukuma/Nyamezi statua
Arte tribal africana > Statue > Nyamezi statua

Le gambe alte e aperte sostengono questa figura scolpita il cui busto tozzo, su cui punta un minuscolo petto, sembra sporgersi in avanti. Le spalle cadenti sono arrotondate verso le braccia senza che i polsi si estendano dalle mani piatte. La testa è sottolineata da una cresta, orecchie ampie esaltano una fisionomia neutra e discreta.
Bella patina lucida. Superficie irregolare, manca.
Nella regione costiera meridionale della Tanzania, intorno a Dar-es-Salaam, un gruppo relativamente omogeneo ha prodotto la maggior parte delle produzioni artistiche. Comprende lo swahili, il Kaguru, il Doé, il Kwéré, il Luguru, lo Zaramo, il Kami. La seconda regione è costituita da un territorio che copre la Tanzania meridionale fino al Mozambico, dove vivono alcuni Makonde e Yao, Ngindo, ...


Vedi il foglio

490,00

Vuvi Maschera
Arte tribal africana > Maschere > Vuvi Maschera

Ex collezione francese di arte africana.
Sostegno di un potere sacro poiché incarna il mitico antenato vuvi, la maschera africana Pové, nella grande diversità delle maschere Okandé, Membé, delle tribù del Gabon centrale, adotta un volume poco profondo. Richiamando le maschere Tsogho, questa maschera offre una fronte striata di colori giustapposti, su cui si affaccia un doppio volto. Scolpita da un iniziato alla vigilia delle cerimonie rituali, questa maschera si manifesta durante il lutto di personalità o per esercitare una forma di giustizia. Stabilito nel bacino dell'Ogooué, il gruppo Okandé di lingua membé, confinante con Punu, Pounou, è composto dai gruppi etnici Tsogho, Pové (Vuvi), Okandé, Evea e Apindji. Queste etnie praticano il culto dei Mwiri, una società iniziatica ...


Vedi il foglio

380,00

Kuba Scatola
Arte tribal africana > Vasi, vasetti, calabasi, urne > Kuba Scatola

Collezione diarte africanabelga.
I Kuba sono rinomati per la raffinatezza degli oggetti di prestigio creati per i membri degli alti ranghi della loro società. I Lélé vivono a ovest del regno Kuba e condividono specificità culturali comuni con i Bushoong del paese Kuba. Entrambi i gruppi adornano i loro oggetti di prestigio con motivi simili. L'unico gruppo etnico a creare una varietà di contenitori con coperchio in cui venivano conservate le singole merci, i Kuba li decoravano con disegni simili a quelli sui tessuti ricamati. Le pareti di questa scatola, dotata di maniglia scolpita, sono infatti finemente cesellate con una rete di motivi geometrici. Patina bruno dorata. Ottimo stato.


Vedi il foglio

290,00

Guro / Bété maschera
Arte tribal africana > Maschere > Guro maschera

Maschera africana la cui fronte arrotondata, delimitata da striature parallele che indicano i capelli, offre una nervatura mediana che va dal cranio alla punta del naso. Questo elemento caratterizza la statuaria dell'area compresa tra il Guro e le Bétés. La bocca dentata è in potente proiezione. Questa maschera, la cui funzione rimane scarsamente documentata, starebbe a simboleggiare la forza maschile, e forse anche un notabile chiamato "migone". Patina opaca screziata, lunga fessura di essiccazione della patina spessa. Residui di caolino.
I Bété formano una tribù insediata sulla sponda sinistra del fiume Sassandra, nel sud-ovest della Costa d'Avorio. Vicino al Kouya e al Niabwa, la realizzazione delle loro maschere, così come la loro funzione, hanno grandi somiglianze.

I ...


Vedi il foglio

450,00

Dogon Statua
Arte tribal africana > Statue > Dogon Statua

Soggetto scolpito congelato in un raro movimento basculante con le natiche sporgenti, la testa leggermente orientata verso il lato del braccio la cui mano afferra il fallo. Il corpo e il volto dell'antenato sono incisi con scarificazioni. Sulla superficie asciutta e solcata sono impresse varie tracce di libagioni. Profonde erosioni, crepe.
Scolpite per la maggior parte su commissione di una famiglia, le statue Dogon possono essere anche oggetto di culto da parte dell'intera comunità. Tuttavia, le loro funzioni rimangono poco conosciute. Accanto all'Islam, i riti religiosi Dogon sono organizzati attorno a quattro culti principali: il Lébé, relativo alla fertilità, sotto l'autorità spirituale dell'Hogon, il Wagem, culto degli antenati sotto l'autorità del patriarca, il Binou che ...


Vedi il foglio

490,00

Oromo Scudo
Arte tribal africana > Scudi > Oromo Scudo

Questo robusto scudo etiope ha una faccia interna concava con una solida impugnatura centrale. La faccia esterna, a sbalzo, è decorata su ciascun lato da una cresta mediana di nervature parallele scandite da risalti circolari. Si osservano piccoli strappi circolari nei vecchi punti di attacco.
Questi scudi, usati dagli Arsi-Oromo e dagli Amarro dell'Etiopia, erano realizzati in pelle di bufalo o ippopotamo, modellata in forme convesse. Dopo essere stati oliati e colorati, si induriscono al sole. Il professor Braukämper, negli anni '70, notò l'uso frequente di questi scudi tra i Gurage, Hadiya e Wolayta. Gli Amarro scambiavano i loro scudi con derrate alimentari con le popolazioni del lago Abaya, e probabilmente con gli Arsi della pianura. Pertanto, non sorprende trovare lo stesso ...


Vedi il foglio

1500,00

Songye Kifwebe maschera
Arte tribal africana > Maschere > Songye maschera

Maschera africana policroma che offre una certa struttura "cubista". Il centro è scolpito con grandi palpebre poste obliquamente, estese da un naso e una bocca geometrici. La parte inferiore del viso continua in una tinta piatta leggermente concava. Le profonde scanalature colorate sottolineano il volume del cranio e la piattezza delle guance.
Il termine Kifwebe designa la maschera, la società delle maschere, e l'indossatore della maschera appartenente alla società segreta maschile bwadi bwa kifwebe che assicurava il controllo sociale. Patina policroma opaca, erosioni. Crepe.
Nel XVI secolo, i Songyes emigrarono dalla regione di Shaba per stabilirsi sulla riva sinistra del Lualaba, nel Katanga e nel Kasaï. Molto presente nella loro società, la divinazione permise di ...


Vedi il foglio

380,00

Mambila Tadep statua
Arte tribal africana > Statue > Mambila statua

Eseguite secondo criteri tradizionali, queste statue che dovrebbero incarnare gli antenati indossano spesso piccoli tenoni di legno come acconciatura irta, come questa massiccia figura stabilita in posizione inginocchiata, che proietta il busto in avanti. Il viso piatto presenta tratti espressivi, tra cui uno sguardo allucinato che evoca la trance.
Erosioni e abrasioni, patina opaca vellutata. .
Patina opaca ocra croccante, scheggiata localmente. Crepe.


Nonostante il loro piccolo numero, i trentamila Mambila(o Mambilla, Mambere, Nor, Torbi, Lagubi, Tagbo, Tongbo, Bang, Ble, Juli, Bea)(il "< i>men" , in Fulani), insediatisi nel nord-ovest del Camerun, realizzarono un gran numero di maschere e statue facilmente identificabili dai loro volti a forma di cuore. Sebbene i ...


Vedi il foglio

280,00

pannello vegetale
Arte tribal africana > Dipinti > pannello vegetale

Pannello dipinto su panggal (mbi), steli di foglie di palma da sago, provenienti dalle colline di Washkuk, Upper Sepik, in Papua Nuova Guinea, raccolte negli anni '70 in situ da un etnologo. I motivi rappresentati su fondo nero simboleggiano il clan dell'artista. Il dipinto è fissato su un pannello di legno tinto di nero. Tra i Kwoma ("Uomini delle colline"), questi pannelli assemblati coprivano la faccia interna del tetto all'interno delle case di culto e degli uomini. Ogni clan Kwoma ha un certo numero di totem, piante o specie animali, classificati per genere. L'economia di Kwoma dipende dal sago, il frutto della palma da sago e dall'igname a cui sono associate varie cerimonie rituali.


Vedi il foglio

650,00

Boki Statuetta
Arte tribal africana > Statue > Boki Statuetta

Ex collezione francese di arte africana. Rara scultura tribale raffigurante una giovane donna Ejagham o Boki del Camerun occidentale. L'acconciatura intrecciata illustra una delle elaborate costruzioni di capelli delle giovani ragazze che segnano la fine del loro periodo di clausura iniziatica o in onore di cerimonie festive. Patina satinata scura, erosioni, crepe da essiccamento.
Le società leopardine, come la società maschile Kpe, la società Ngbe tra gli Aro, utilizzavano maschere con stemma per cerimonie di iniziazione o funerali dei membri dell'associazione, ma anche durante i rituali agricoli. L'acconciatura ricorda quella che le giovani donne portavano alla fine del loro tradizionale isolamento durante il quale veniva loro insegnata la danza Nkim. Altri gruppi di danza, ...


Vedi il foglio

480,00

Atwontsen Testa
Arte tribal africana > Statue > Atwontsen Testa

Evocando i nemici sconfitti, questa testa destinata al leader è scolpita in legno poi ricoperta da un tessuto ricamato con perline raffiguranti fattezze umane. Pezzo raro. Alcune perline si sono staccate.
Situato nella regione di confine della Nigeria, nella provincia nord-occidentale del Camerun, Grassland  è composto da diversi gruppi etnici: Tikar, Anyang, Widekum, Chamba, Bamoun o Bamum e Bamileke. Intorno al Fon che gode di ampi poteri sono organizzati diversi chiefdom centralizzati, o regni, basati su associazioni consuete, società segrete. Tra i Bamiléké di origine sudanese-bantu, come in altri gruppi etnici, gli oggetti d'arte testimoniavano il posto del loro proprietario nella società. I sedili, la cui decorazione variava a seconda dello status sociale, erano scolpiti per ...


Vedi il foglio

490,00

Mumuye Statua
Arte tribal africana > Statue > Mumuye Statua

Portata da gambe merlate, la scultura offre volumi arcuati attorno a uno stretto busto colonnare. L'effetto visivo è amplificato grazie al gioco spettacolare di braccia piene e vuote che avvolgono l'addome. La testa appoggiata su un lungo collo offre maestosità ad una fisionomia neutra. Bella patina satinata, erosioni e crepe da essiccazione.
La statuaria proveniente dalla regione nord-occidentale del medio Benoué, dai Kona Jukun, ai Mumuye e fino ai Wurkun, si distingue per una relativa assenza di ornamenti e per una stilizzazione raffinata. I 100.000 parlanti la lingua Adamawa formano un gruppo chiamato Mumuye e sono raggruppati in villaggi, dola, divisi in due gruppi: quelli del fuoco (tjokwa) relativi al sangue e al colore rosso, custodi del culto vabong, tra i quali vengono ...


Vedi il foglio

750,00



Vedere più oggetti

Ultimi articoli che hai visualizzato:
Arte tribal africana  - 

© 2024 - Digital Consult SPRL

Essentiel Galerie SPRL
73A Rue de Tournai - 7333 Tertre - Belgique
+32 (0)65.529.100
visa Master CardPaypal